sabato 03 dicembre | 15:01
pubblicato il 11/mar/2013 11:02

Istat: da italiani voto 2 ai partiti. Cala anche fiducia nell'altro

Istat: da italiani voto 2 ai partiti. Cala anche fiducia nell'altro

(ASCA) - Roma, 11 mar - Su una scala da zero a dieci il voto di fiducia media dei cittadini italiani verso i partiti politici si ferma a 2,3, laddove e' in grave calo anche la fiducia nell'altro in senso lato. Lo attesta il Bes, il nuovo indice del 'Benessere equo e sostenibile' da affiancare al Pil, coniato da Istat e Cnel e presentato oggi a Montecitorio alla presenza del capo dello Stato, Giorgio Napolitano.

L'istituzione che riscuote il piu' alto voto di fiducia degli italiani sono i Vigili del fuoco, con 8,1, mentre, oltre ai partiti, restano molto al di sotto della sufficienza anche il parlamento (3,6), le ammnistrazioni locali (4) e la Giustizia (4,4). Ma la sfiducia e' diffusa anche sul piano della relazione privata e personale: nel 2011 appena il 20% della popolazione riteneva di potersi fidare degli altri, dato in calo rispetto al 21,7% del 2010, e molto al di sotto della media Ocse (33%). La fiducia nell'altro e', inoltre, particolarmente bassa nel Mezzogiorno, ferma al 15,2%. Per quanto il piu' bisognoso, il Sud e' anche il piu' penalizzato sul piano delle relazioni sociali, potendo contare sulla meta' dei volontari rispetto al Nord (il 6% rispetto al 13,1%).

stt/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari