martedì 24 gennaio | 02:27
pubblicato il 05/apr/2011 13:30

Istat/ Allarme alcol tra i giovani,primo sballo scende a 16 anni

Cresce il consumo fuori pasto, la moda si chiama 'binge drinking'

Istat/ Allarme alcol tra i giovani,primo sballo scende a 16 anni

Roma, 5 apr. (askanews) - In Italia è ancora allarme sull'uso e soprattutto sull'abuso di acolici da parte dei giovani. L'annuale report dell'Istat, pubblicato oggi, rivela infatti che non solo negli ultimi 10 anni nella fascia d'età tra i 14 e i 24 anni è cresciuto il consumo 'occasionale' e 'fuori pasto' di bevande alcoliche, ma che è in aumento il consumo di altri alcolici oltre vino e birra (amari, aperitivi, superalcolici) e, soprattutto, che rimangono preoccupanti le statistiche sui comportamenti a rischio. Su tutti il cosiddetto 'binge drinking', il consumo di sei o più bicchieri di bevande alcoliche in un'unica occasione, che tra i ragazzi di 16-17 anni raggiunge livelli prossimi a quelli medi della popolazione. Secondo l'Istat, nel 2010 diminuisce la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica durante l'anno (da 68,5% a 65,7%, rispetto al 2009), ma quote crescenti di popolazione bevono alcolici al di fuori dai pasti e aumenta il consumo non quotidiano, un cambiamento ancora più evidente tra le donne (dal 2000 +25,1%, contro il +15% dei maschi). Il cambiamento di abitudini riguarda non solo la frequenza e le circostanze di consumo, ma anche il tipo di bevande consumate: diminuisce infatti chi consuma solo vino e birra e aumenta chi consuma anche altri alcolici, come aperitivi, amari e superalcolici. Soprattutto tra i giovani fino tra 18 e 24 anni (da 49,5 a 55,9% in dieci anni). Non solo cresce tra i giovani il consumo di alcolici fuori pasto, ma dal 2003 è ormai un dato stabile la pratica del 'binge drinking' (+0,7% sul 2009), più diffuso tra i frequentatori abituali di discoteche. Particolarmente a rischio i minorenni, in quanto la capacità di metabolizzare adeguatamente l'alcol dipende anche dallo sviluppo fisico complessivo: se nel 2000 consumava alcolici fuori pasto il 14,5% dei 14-17enni, nel 2010 la quota si attesta al 16,9%. Il consumo di alcol fuori pasto cresce maggiormente per le ragazze (dal 12,2 al 14,6%), ma rimane più diffuso tra i maschi (dal 16,8 al 19,1%). (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4