martedì 21 febbraio | 13:22
pubblicato il 11/mar/2013 11:00

Istat: a fianco del Pil nasce il Bes, indice del benessere italiano

Istat: a fianco del Pil nasce il Bes, indice del benessere italiano

(ASCA) - Roma, 11 mar - A fianco del Pil, arriva il Bes, il nuovo indicatore di 'Benessere equo e sostenibile' coniato dall'Istat e dal Cnel che i rispettivi presidenti delle due istituzioni, Enrico Giovannini e Antonio Marzano, hanno presentato oggi a Montecitorio alla presenza del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, e del presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini.

Non un singolo indicatore statistico, ma un complesso, e pressoche' unico al mondo, insieme di 134 indicatori che descrivono i 12 ambiti - dall'istruzione, al lavoro, passando per le relazioni sociali e il paesaggio - ritenuti dagli italiani fondanti il loro benessere. Cosi' concepito il Bes e', pertanto, capace di fornire ai decisori politici strumenti di orientamento tali, da poter essere definito una sorta di 'Costituzione statistica'. ''Non essendoci una categoria standard di benessere, abbiamo pensato di declinarlo partendo dall'ascolto dei cittadini: chiedendo loro cosa intendessero per benessere'', ha descritto cosi' l'elemento di novita' assoluta del Bes italiano, la prof.sa Maria Teresa Salvemini del Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro (Cnel), in un briefing con la stampa. Un apposito 'Comitato di indirizzo' ha incontrato e ascoltato numerosissimi rappresentanti della societa' civile, sindacati, associazioni di categoria, ambientalisti, comitati di donne e di lavoratori. Tutti interrogati sul medesimo quesito: cosa intendete per benessere'? Sulla base delle risposte, una Commissione scientifica ha poi provveduto ad elaborare le informazioni ottenute in ''un insieme condiviso di indicatori utili a definire lo stato e il progresso del nostro Paese'', ha ricostruito Salvemini. ''La condivisione e' il vero elemento di novita' del Bes: non e' l'Istat che definisce a tavolino il concetto di benessere, ma lo definisce in virtu' di come esso e' realmente percepito dai cittadini: una novita' assoluta, mai perseguita prima da nessun paese al mondo, che viene guardata con estremo interesse dall'estero'', ha spiegato la prof.sa Linda Laura Sabbadini, dell'Istat. ''In quanto equo - ha aggiunto - il Bes non valuta il miglioramento assoluto di una societa', ma tiene conto delle disuguaglianze che implica. Cosi', in quanto sostenibile, il Bes misura quanto costa il nostro progresso in termini di capitale intaccato per le generazioni future''. Alla pubblicazione del primo rapporto Bes2013, si affianca il lancio del sistema informativo Bes consultabile su www.misuredelbenessere.it.

stt/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia