sabato 03 dicembre | 01:29
pubblicato il 05/feb/2012 17:35

Isola Capo Rizzuto, visita di Lo Moro (Pd) dopo il raid vandalico

La deputata: colpa della 'ndrangheta, ora commissione d'inchiesta

Isola Capo Rizzuto, visita di Lo Moro (Pd) dopo il raid vandalico

Isola Capo Rizzuto (askanews) - La parlamentare del Pd, Doris Lo Moro ha voluto recarsi in visita a Isola Capo Rizzuto, nel Crotonese, per espriomere la propria solidarietà al sindaco Carolina Girasole dopo l'ennesimo raid vandalico che nei primi giorni di febbraio ha devastato gli uffici comunali. Un episodio che la deputata stenta a definire "una bravata". Durante l'incontro il sindaco Girasole ha chiesto una maggiore presenza dello Stato in Calabria affinché episodi come questo non si ripetano, isolando ulteriorimente un territorio costantemente sotto pressione soprattutto per la presenza della malavita organizzata. Un appello che non sembra destinato a restare inascoltato. La parlamentare, prima di congedarsi ha rinnovato la sua stima al sindaco e alla giunta del comune Crotonese, assicurando il proprio impegno per fare al più presto luce sulla vicenda.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari