lunedì 20 febbraio | 16:46
pubblicato il 07/lug/2011 11:12

Isola Capo Rizzuto, orzo e grano dalle terre della 'ndrangheta

Libera festeggia il raccolto, si prepara il pane

Isola Capo Rizzuto, orzo e grano dalle terre della 'ndrangheta

L'orzo e il grano, due prodotti semplici della terra che diventano un simbolo di legalità. Siamo a Isola Capo Rizzuto, dove si festeggia il primo raccolto dell'orzo coltivato nelle terre confiscate alla 'ndrangheta, in particolare al clan Arena. Un raccolto dal gusto speciale, come recita il titolo del progetto: l'orzo che viene da questi campi sarà distribuito a livello nazionale. Soddisfatto dei risultati ottenuti don Luigi Ciotti, presidente di Libera e promotore del progetto, che ha anche assistito alla trebbiatura dell'orzo.Alla presentazione del progetto, finanziato dalla fondazione Telecom Italia, c'erano il prefetto di Crotone, Vincenzo Panico, i sindaci di Cutro e Isola Capo Rizzuto e i rappresentanti delle forze dell'ordine. La festa si è poi spostata all'anfiteatro della villa comunale: protagonisti ancora i prodotti locali, primo tra tutti il pane preparato con il grano raccolto nei terreni confiscati agli Arena.

Gli articoli più letti
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia