giovedì 19 gennaio | 23:17
pubblicato il 14/set/2011 12:14

Irisbus, acquirente rinuncia e azienda annuncia chiusura

I 700 dipendenti protestano da due mesi per evitare stop

Irisbus, acquirente rinuncia e azienda annuncia chiusura

Il caso Irisbus si complica. Le ultime notizie gettano nello sconforto i 700 dipendenti in assemblea permanente da due mesi contro la chiusura dello stabilimento Fiat a Flumeri, in provincia di Avellino. Il gruppo Di Risio, unico candidato a rilevare l'attività, si tira indietro e l'Irisbus Italia annuncia l'avvio delle procedure per la chiusura. L'azienda si dice costretta "di fronte all'impossibilità di portare a termine l'unica soluzione individuata"; la Cgil risponde che la Fiat vuole creare ulteriore tensione e chiede un intervento del governo per salvare l'unico stabilimento che produce autobus in Italia.Ancora solo lunedì il presidente della Regione Puglia, Niki Vendola, visitando l'impianto aveva rilanciato l'idea di un patto interregionale per rilanciare l'industria del Mezzogiorno, Iribus compresa.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale