martedì 21 febbraio | 15:48
pubblicato il 21/giu/2013 17:33

Irccs per l'Europa: la rete comincia al San Raffaele Pisana

Gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) devono coordinarsi meglio a livello internazionale per promuovere la ricerca in ambito sanitario. E' questa la sfida degli ''Irccs per l'Europa'', un progetto promosso dal Ministero della salute per aumentare la competitivita' degli istituti di ricerca italiani e sostenere la partecipazione ai programmi di finanziamento. Per arrivare all'obiettivo e' stata istituita l'Unita' per la internazionalizzazione coordinata da Alfredo Cesario, vice direttore scientifico dell'Irccs San Raffaele Pisana di Roma e da Giovanni Apolone, direttore scientifico dell'Irccs di Reggio Emilia. ''Il progetto - spiega Alfredo Cesario - che coinvolge i 47 Irccs presenti in Italia, ha come obiettivo principale quello di facilitare il coordinamento della attivita' tecnico-scientifiche. Si tratta di una sfida e al contempo una irrinunciabile opportunita' per facilitare la collaborazione tra il sistema Italia e le diverse realta' europee''.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia