martedì 28 febbraio | 00:13
pubblicato il 14/mag/2014 12:00

Intersos: il transito invisibile di donne e bambini afgani a Roma

Molti decidono di restare ai margini per andare verso Nordeuropa

Intersos: il transito invisibile di donne e bambini afgani a Roma

Roma, 14 mag. (askanews) - L'ultima tragedia nel mar Mediterraneo, avvenuta ieri a 40 miglia dalle coste libiche, è costata la vita a 40 persone, nel disperato tentativo di raggiungere l'Europa. Dall'inizio del 2014, sono oltre 20.500 i migranti che hanno raggiunto le coste italiane. Lo ricorda oggi l'organizzazione umanitaria Intersos in un comunicato in cui sottolinea come nessuno si chieda perché migliaia di persone arrivino in Italia e dove realmente vogliano andare, mentre si contano solo i numeri, i costi e troppo spesso i morti. Si ignorano le motivazioni, le dinamiche e i complessi percorsi migratori che i diversi gruppi etnici che arrivano in Italia intraprendono, dall'inizio alla fine del loro lungo viaggio. Per molti l'Italia non è affatto la meta ultima del viaggio, ma una tappa di passaggio verso aspettative migliori nel nord Europa. Uomini, donne e bambini che, in viaggio verso destinazioni europee in cui i servizi e i sistemi d'accoglienza e di integrazione godono di migliore reputazione rispetto ai nostri, silenziosamente attraversano l'Italia. Molti di loro avrebbero diritto a richiedere asilo e a ricevere protezione e assistenza, ma rinunciano a questo diritto perché vogliono lasciare il nostro paese. questo il caso di centinaia di ragazzi afghani che, giovanissimi, arrivano a Roma, soli, dopo un viaggio spossante, lungo, a volte, anni attraverso Pakistan, Iran, Turchia e Grecia. Tutti minorenni, scelgono di non fermarsi nella capitale, ma di proseguire il loro viaggio. Si rendono "invisibili" al sistema di accoglienza e protezione; vivono e dormono per strada, spesso vittime di abusi e violenze. Dal 2011 Intersos si occupa di questo fenomeno e, in collaborazione con Save the Children e la cooperativa Civico Zero, accoglie nel centro A28 ogni notte i minori afghani in transito che arrivano a Roma. Il centro fornisce a questi ragazzi un ambiente protetto e ospitale, con letti, pasti caldi, bagni e lavanderia, assistenza e supporto sui servizi sanitari, psicologici e legali a loro disposizione. Dal 2011, sono più di 1200 i minori che hanno trovato riparo nella struttura. E dall'inizio del 2014, il centro A28 ha accolto 162 persone, tra cui anche molte ragazze afghane con i loro bambini. Già nei primissimi giorni di Maggio le madri accolte sono state quattro, con bambini tra i due e gli otto anni. Generalmente rimangono al centro per circa una settimana, assistiti e protetti, per poi riprendere il loro viaggio verso il nord Europa dove hanno i propri famigliari ad aspettarli. Intersos conferma il suo impegno nell'assicurare tutela e assistenza ai minori non accompagnati in transito a Roma, e ribadisce la necessità di maggiore impegno e sinergia da parte delle istituzioni per rispondere e far fronte coerentemente ai bisogni di gruppi svantaggiati e sempre più a rischio, in questo contesto migratorio in continua evoluzione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech