sabato 03 dicembre | 19:17
pubblicato il 06/giu/2013 14:17

Internet: State of the net a Trieste, 8 mila tweet

(ASCA) - Trieste, 6 giu - State of the Net, la conferenza sullo stato della rete in Italia, ha chiuso la propria terza edizione con quasi mille iscritti, raccogliendo la grande attenzione della rete italiana, con oltre 8 mila tweet dedicati alla conferenza e migliaia di partecipanti che hanno seguito il live streaming offerto dall'official partner Telecom Italia.

''Siamo grati ai nostri speakers e ai partecipanti per la qualita' dei contenuti e delle conversazioni - affermano i fondatori di State of the Net, Beniamino Pagliaro, Paolo Valdemarin e Sergio Maistrello -. Chiunque creda nell'utilita' di un evento che spalanca le finestre del confronto internazionale e fa incontrare gli innovatori di poche chiacchiere e di buona volonta' nei prossimi dodici mesi ha la possibilita' di fare la differenza''.

L'Associazione ha rivolto un ringraziamento a tutti i partner della conferenza e alla citta' di Trieste e alla Regione Friuli Venezia Giulia, che ha accolto con entusiasmo State of the Net e i partecipanti, dei quali piu' del 50% e' arrivato da fuori regione e dall'estero.

Il lavoro dell'Associazione State of the Net prosegue con l'organizzazione di percorsi di formazione per enti e imprese, sino alla prossima edizione della conferenza, in agenda per il maggio del 2014.

fdm/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari