sabato 10 dicembre | 00:55
pubblicato il 24/apr/2013 09:33

Internet: download illegali, Polizia postale oscura 27 siti web

Internet: download illegali, Polizia postale oscura 27 siti web

(ASCA) - Roma, 24 apr - La Polizia postale ha oscurato 27 siti web pirata dai quali era possibile scaricare film, musica e software generando danni miliardari in termini di fatturato nonche' di 22mila posti di lavoro nel quadro dell'industria legale: si e' trattato di uno dei piu' rilevanti sequestri a livello mondiale e il primo di queste proporzioni in ambito europeo.

Nello specifico, come spiega una nota, il compartimento della Polizia postale e delle comunicazioni di Roma - in collaborazione con l'Ufficio multimedialita' della Siae - ha smantellato ''una vera e propria piattaforma alternativa ai servizi offerti dalle emittenti a pagamento e dall'industria cinematografica, con una disponibilita' potenzialmente infinita di prodotti da offrire al pubblico, tra cui spiccano molti film attualmente in prima visione nelle sale''.

La maggior parte dei server interessati sono attestati in paesi di quattro continenti (Australia, Usa, Belize, Cina, Russia, Moldavia, Romania, Olanda, Svizzera, Francia e domini in Usa, Seychelles, India, Australia, Svizzera, Panama, UK, Germania); inoltre molti domini sono ospitati in paesi diversi da quelli dell'ubicazione del server (Australia, Usa, India, Seychelles, Panama, UK, Germania, Svizzera). Tutti luoghi ritenuti 'paridisi del web' dove i siti web pirata scelgono di ubicarsi in virtu' di una normativa locale meno restrittiva: alcuni consentivano di visionare in streaming o effettuare il download di circa 400mila titoli di film, alcuni attualmente nelle sale cinematografiche, nonche' di un numero molto superiore di prodotti audio e software diffusi in violazione del diritto d'autore.

La Siae ha stimato che si e' trattato di uno dei piu' rilevanti sequestri a livello mondiale e il primo di queste proporzioni in ambito europeo, considerando che il danno complessivo ammonta a circa 1,5 miliardi di euro, di cui 800 milioni nel settore dei film e 700 milioni in quello della musica, nonche' 1,4 miliardi di euro per quanto riguarda il software; la conseguente riduzione dell'indotto potrebbe comportare, entro il 2015, la perdita di 22.000 posti di lavoro solo nel mercato italiano. La Polizia postale ha cosi' creato, attuando nella rete un blocco dei Dns, una sorta di ''muro invisibile'' sui confini italiani in modo da impedire il raggiungimento dei predetti domini dal territorio nazionale. com-stt/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina