domenica 19 febbraio | 15:58
pubblicato il 06/dic/2013 20:51

Influenza: oltre 300mila italiani a letto

Influenza: oltre 300mila italiani a letto

(ASCA) - Roma, 6 dic - L'influenza finora ha messo ko circa 301 mila connazionali, di cui oltre 125 mila nelle ultime due settimane del mese di novembre. Lo rivela il Bollettino settimanale stilato dalla Societa' Italiana di Medicina Generale (SIMG). ''Si tratta di individui che evidentemente non si sono ancora sottoposti alla vaccinazione - sottolinea Claudio Cricelli, Presidente SIMG -: questa rimane la vera arma di prevenzione contro l'influenza e i malanni di stagione. Per questo rivolgiamo un appello a tutti gli italiani, in particolare alle categorie piu' a rischio come over65 e bambini, perche' si sottopongano all'immunizzazione: c'e' tempo fino alla fine dell'anno''. Il nuovo bollettino riassume l'andamento durante la seconda quindicina del mese di novembre, in particolare della 47* e 48* settimana (18 - 24 novembre e 25 novembre - 1 dicembre). Il 2 dicembre e' stato isolato il primo caso di influenza in Italia a Trieste, in una bambina di 4 anni. ''Da questo momento la diagnosi clinica dei nostri medici sentinella risultera' essere piu' precisa - aggiunge Aurelio Sessa, presidente regionale SIMG Lombardia -: in questo periodo, 415 mila persone sono state curate per malattie respiratorie acute (virus parainfluenzali), che da ottobre hanno fatto registrare complessivamente circa 1.280 mila casi. D'ora in poi ci sara' un progressiva salita della curva di incidenza con il picco che arrivera' a meta gennaio (mediamente 6 settimane dopo il primo isolamento). Il virus influenzale isolato e' contenuto nel vaccino antiinfluenzale e quindi che si e' vaccinato e' completamente protetto''.

Quest'anno i virus influenzali in circolazione saranno tre.

''La nostra rete di medici di medicina generale distribuiti su tutto il territorio nazionale - continua Cricelli - non solo fornisce con tempestivita' informazioni sull'evoluzione della patologia, i cui dati peraltro sono gia' tenuti sotto osservazione dalla rete Influnet, ma verifica anche capillarmente le complicanze e lo stato di salute della popolazione italiana nel corso del periodo influenzale, il numero di indagini diagnostiche effettuate, i trattamenti terapeutici prescritti, le assenze dal lavoro causate dalla malattia e i ricoveri ospedalieri richiesti''.

E allora, per tutte quelle che sono chiamate ''categorie a rischio'' e' il momento di rispondere e aderire all'appello dei medici di famiglia: sottoporsi alla vaccinazione.

''Vogliamo raggiungere con il vaccino almeno l'80% della popolazione ''fragile', in particolare malati cronici, anziani e bambini, sui quali anche un virus debole puo' avere conseguenze pesanti - conclude Cricelli -. E' importante non banalizzare i sintomi, visto che ogni anno si registrano circa 8000 decessi attribuibili alle complicanze dell'influenza''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia