sabato 03 dicembre | 13:05
pubblicato il 29/gen/2013 19:20

Influenza: Fao, rischio nuova epidemia aviaria. Non abbassare la guardia

Influenza: Fao, rischio nuova epidemia aviaria. Non abbassare la guardia

(ASCA) - Roma, 29 gen - Il mondo rischia una ripetizione della disastrosa ondata d'influenza aviaria del 2006 se non verranno rafforzate a livello mondiale le misure di controllo e monitoraggio di questa, ma anche di altre pericolose malattie animali. E' il grido d'allarme lanciato oggi dalla FAO. ''La crisi economica internazionale ha significato minori risorse disponibili per la prevenzione dell'influenza aviaria H5N1 e di altre malattie di origine animale'', ha spiegato il Veterinario Capo dell'organizzazione, Juan Lubroth, ''e questo vale non solo per le organizzazioni internazionali, ma anche per i singoli paesi''. ''Nonostante tutti sappiano che prevenire sia meglio che curare, sono preoccupato che nel clima attuale i governi non siano in grado di mantenere alta la guardia''. E' necessario mantenere una stretta vigilanza, dati i grandi serbatoi di virus H5N1 che ancora esistono in alcuni paesi asiatici e del Medio Oriente, dove la malattia e' diventata endemica. In mancanza di controlli adeguati, potrebbe facilmente diffondersi a livello mondiale, com'e' successo al momento della sua massima diffusione nel 2006, quando ne furono colpiti 63 paesi''.

Tra il 2003 e il 2011 la malattia ha ucciso direttamente, o costretto ad abbattere oltre 400 milioni di polli ed anatre, causando un danno economico stimato intorno ai 20 miliardi di dollari. Come per molte altre malattie animali, il virus H5N1puo' anche trasmettersi agli esseri umani. Tra il 2003 ed il 2011, secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanita', ha infettato piu' di 500 persone, uccidendone 300. ''Non vedo iniziative, nonostante la reale minaccia esistente per la salute di animali e per gli esseri umani'', ha aggiunto Lubroth, ''e questo e' ancora piu' deplorevole dal momento che e' stato dimostrato che con misure appropriate il virus H5N1 puo' essere del tutto eliminato dal settore aviario, proteggendo cosi' sia la salute umana che le condizioni economiche di milioni di persone''.

Ma non e' tutto: un'altra minaccia crescente e' rappresentata dalla Peste dei piccoli ruminanti, (PPR) una malattia altamente contagiosa che puo' decimare intere greggi di capre e di pecore. ''La malattia si sta espandendo in Africa Subsahariana, causando al momento enormi danni nella Repubblica Democratica del Congo, uno dei paesi colpiti, e sta cominciando ad espandersi in Africa australe'', ha aggiunto Lubroth, ''il danno potrebbe davvero essere d'immense proporzioni. L'ironia della situazione e' che contro la PPR esiste un validissimo vaccino, ma poche persone lo stanno usando''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari