sabato 03 dicembre | 01:17
pubblicato il 02/mar/2011 14:33

Influenza/ Bari, incinta contrae virus: morta mamma, salvo bimbo

I medici salvano neonato con un cesareo

Influenza/ Bari, incinta contrae virus: morta mamma, salvo bimbo

Roma, 2 mar. (askanews) - Una donna di 39 anni che aveva contratto il virus dell'influenza A/H1N1 è morta nel barese dieci giorni dopo aver dato alla luce un bambino. Il neonato sta bene. La donna, di Adelfia, durante la gravidanza era stata ricoverata a metà febbraio all'ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti perché lamentava difficoltà respiratorie, spiega la dottoressa Cinzia Germinario, direttrice dell'osservatorio epidemiologico pugliese. Il sospetto era che avesse contratto il virus dell'influenza A/H1N1. Dopo due giorni dal ricovero i medici hanno deciso di accelerare il parto, alla 29esima settimana, e hanno fatto nascere il bambino con un cesareo. Il test sulla donna, condotto dopo il parto, ha confermato la presenza del virus A/H1N1. Dopo 10 giorni dal cesareo la donna è morta, il 26 febbraio. Al momento non risulta avesse malattie pregresse. Il bambino sta bene.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari