venerdì 20 gennaio | 21:22
pubblicato il 05/feb/2013 15:23

Influenza: 474.600 italiani a letto. Medici Simg, no agli antibiotici

Influenza: 474.600 italiani a letto. Medici Simg, no agli antibiotici

(ASCA) - Firenze, 5 feb - Nella quarta settimana del 2013 l'influenza ha colpito 474.600 persone, con un trend in costante crescita (nei sette giorni precedenti erano 379.000). In media, dal 21 al 27 gennaio, 7.91 italiani su 1000 sono stati messi a letto dal virus. Le Regioni a maggior incidenza sono Marche, Val d'Aosta e Campania (rispettivamente con 22.73, 21.75 e 18.85 casi per mille abitanti), quelle che hanno fatto registrare il minor numero di diagnosi sono invece Puglia, Sicilia e Friuli.

Complessivamente dall'inizio dell'epidemia 2.058.400 persone hanno contratto il virus e 3.397.800 le cosiddette sindromi respiratorie acute. I numeri arrivano dal bollettino settimanale sull'epidemia della Societa' Italiana di Medicina Generale (SIMG). ''E' fondamentale - spiega il presidente SIMG, Claudio Cricelli - non assumere antibiotici, innanzitutto perche' sono inattivi sui virus, non solo influenzali ma anche respiratori. Inoltre un uso indiscriminato rende questi farmaci inefficaci, aumentando il rischio di resistenze nei loro confronti da parte dei batteri. E' compito del medico giudicare se l'influenza puo' essersi complicata (succede nel 15-20% dei casi) a tal punto da intraprendere una terapia con antibiotici''.

Un appello anche a non intasare i Dipartimenti di emergenza degli ospedali. ''Troppo spesso vengono riportate notizie di cronaca sul caos nei pronto soccorso per l'epidemia di influenza - continua Cricelli -. Anche in caso di febbre alta, non bisogna allarmarsi. E' un sintomo molto comune dei primi giorni della malattia e dimostra che l'organismo ha messo in atto i sistemi di difesa per combattere l'infezione. I farmaci sintomatici aiutano a controllare la febbre e una buona idratazione permette di integrare le perdite di liquidi''. Secondo gli esperti, per affrontare l'influenza al meglio basta prendere poche precauzioni: ''La durata della malattia e' di 4-5 giorni ed e' consigliabile il riposo a casa per un pronto recupero - spiega Aurelio Sessa, presidente regionale SIMG Lombardia e medico sentinella -. Puo' essere utile l'assunzione di antipiretici oppure di antinfiammatori, in grado di controllare la febbre, il dolore muscolo-scheletrico e i processi infiammatori provocati dall'infezione. Questi medicinali di automedicazione devono essere assunti responsabilmente tenendo conto di un adeguato periodo di terapia (solitamente 3 giorni) e delle dosi indicate. E' importante non cambiare i farmaci tra loro e completare il ciclo di terapia prescritto''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: morti accertati sono solo 2
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4