martedì 17 gennaio | 16:56
pubblicato il 12/nov/2013 11:32

Inflazione: Cia, ortofrutta frena corsa prezzi ma consumi fermi al palo

Inflazione: Cia, ortofrutta frena corsa prezzi ma consumi fermi al palo

(ASCA) - Roma, 12 nov - I prodotti agricoli, in particolare frutta e verdura, frenano a ottobre la corsa dei prezzi, ma il carrello della spesa non decolla. I consumi restano al palo per una crisi che ha tagliato il potere d'acquisto degli italiani. Basti ricordare che oggi due famiglie su tre riescono ad arrivare a fine mese solo con notevoli sacrifici e 'tagli' alla spesa. Anche quella per il cibo. Lo sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori in riferimento ai dati sui prezzi al dettaglio diffusi oggi dall'Istat.

Dai campi - osserva la Cia - e', quindi, venuto un colpo di freno (-0,2% rispetto allo scorso mese di settembre) che riporta i listini al consumo (specie sul fronte del 'fresco' che registra un calo dello 0,8%) su livelli piu' accessibili, anche se alcuni prodotti trasformati rimangono ancora cari.

Comunque, sempre molto al di sotto delle quotazioni raggiunte negli ultimi mesi, visto che l'aumento in ottobre e' stato appena dello 0,3%. La flessione al dettaglio dei prezzi degli alimentari non lavorati - sottolinea la Cia - e' principalmente imputabile alla diminuzione congiunturale dei listini della frutta (meno 3,5%) e dei vegetali freschi (meno 1,4% e addirittura meno 6,7% in termini tendenziali). E questo nonostante le difficolta' del settore primario, che sta scontando pesantemente le 'bizze' del clima, tra i danni delle recenti alluvioni sui campi, le variazioni obbligate dei calendari stagionali e i ritardi nelle raccolte. Per non parlare dei costi aziendali.

Dalle analisi di mercato si rileva - rimarca la Cia - che anche il capitolo alimentare, che dovrebbe essere il piu' 'resistente' alle spirali recessive, e' contagiato dalla caduta generale dei consumi, con un calo del 4% da inizio anno. D'altronde, proprio per risparmiare, ben il 65% delle famiglie compara i prezzi con molta piu' attenzione; il 53% gira piu' di un negozio alla costante ricerca di sconti, promozioni e offerte speciali; il 42% privilegia le grandi confezioni o 'formati convenienza'; il 32% abbandona i grandi brand per marche sconosciute e prodotti di primo prezzo; il 24% ricomincia a fare cucina di recupero con gli avanzi della cucina.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa