mercoledì 18 gennaio | 11:49
pubblicato il 04/gen/2013 12:35

Inflazione: Cia, 6 famiglie su 10 costrette a cambiare menu' alimentare

Inflazione: Cia, 6 famiglie su 10 costrette a cambiare menu' alimentare

(ASCA) - Roma, 4 gen - Il carrello della spesa continua a ridursi. Gli italiani, sotto i colpi di una difficile crisi economica, sono costretti a una dura ''spending review'' casalinga che coinvolge anche la tavola. Cosi' sei famiglie su dieci sono state obbligate a cambiare gli acquisti dei prodotti alimentari; mentre il 50 per cento ha ridotto decisamente a spesa. Il 34 per cento (7,4 milioni) ha optato ormai per prodotti 'low-cost' o di qualita' inferiore e il 28 per cento (6,5 milioni) ha ammesso di rivolgersi quasi esclusivamente ai discount. E' quanto sostiene la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito alle stime Istat sull'inflazione a dicembre e nel corso del 2012.

''A dicembre - afferma la Cia - la corsa del carrello della spesa e' leggermente rallentata, ma resta comunque ancora troppo 'caro' per le tasche delle famiglie, mantenendosi superiore al tasso d'inflazione di circa un punto percentuale''.

''A questa frenata ha contribuito - avverte la Cia - l'agricoltura che ha mantenuto i listini a livelli bassi.

Unica eccezione, anche per il periodo invernale e per il maltempo che ha distrutto diverse coltivazione, i vegetali freschi che al dettaglio sono cresciuti, a dicembre, del 4,7 per cento rispetto al mese precedente e del 6 per cento in termini tendenziali. Per gli altri prodotti, come carne bovina, olio d'oliva, farine e uova si sono avuti rialzi assai moderati (tra lo 0,1 e lo 0,4 per cento). Per la frutta si e' addirittura registrato un calo congiunturale dell'1,4 per cento''. ''Le famiglie, insomma, sono costrette a mantenere 'condotte' d'acquisto orientate alla prudenza e al massimo risparmio. Anche perche' la pressione fiscale in un anno e' salita al 44,7 per cento (e nel 2013 e' destinata a superare il 45 per cento) e il potere d'acquisto si e', invece, ridotto ulteriormente. E, di conseguenza, il risultato - conclude la Cia - e' che si riducono drasticamente anche cene fuori casa e dolci della domenica, con un calo nei ristoranti (meno 5 per cento) e nelle pasticcerie (meno 11 per cento)''.

com-dab/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Maltempo
Protezione civile, ancora allerta per nevicate e forti venti
Liguria
Boschi in fiamme sulle alture di Genova, sfollati e strade chiuse
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa