giovedì 19 gennaio | 01:54
pubblicato il 13/set/2013 09:55

Infanzia: Unicef, mortalita' dimezzata dal 1990. Da 12 a 6,6 mln

Infanzia: Unicef, mortalita' dimezzata dal 1990. Da 12 a 6,6 mln

(ASCA) - Roma, 13 set - Nel 2012, circa 6,6 milioni di bambini in tutto il mondo - 18.000 di bambini ogni giorno - sono morti prima di aver compiuto cinque anni. E' quanto dichiara il nuovo rapporto presentato oggi da Unicef, Organizzazione Mondiale della Sanita' (Oms), Banca Mondiale e Dipartimento degli Affari sociali ed Economici delle Nazioni Unite- Divisione Popolazione. Questo numero rappresenta circa la meta' del numero di bambini sotto i cinque morti nel 1990, che in quell'anno e' stato di oltre 12 milioni.

''Questa tendenza e' positiva. Milioni di vite sono state salvate'', ha detto Anthony Lake, Direttore Generale dell'Unicef. ''E noi possiamo fare ancora meglio. La maggior parte di questi decessi possono essere evitati, utilizzando misure semplici che molti paesi hanno gia' messo in atto - ma cio' di cui abbiamo bisogno e' che dobbiamo agire con molta piu' urgenza''.

Le principali cause di morte dei bambini sotto i cinque anni sono polmonite, nascite premature, asfissia neonatale, diarrea e malaria. A livello mondiale, circa il 45% dei decessi sotto i cinque anni sono legati alla malnutrizione.

Circa la meta' dei decessi sotto i cinque anni si verificano solo in cinque paesi: Cina, Repubblica Democratica del Congo, India, Nigeria e Pakistan. L'India (22%) e la Nigeria (13%) insieme contano oltre un terzo di tutte le morti di bambini sotto dei cinque anni.

'' La cura della madre e del bambino, nelle prime 24 ore di vita dalla nascita, e' fondamentale per la salute e il benessere di entrambi'', dice Margaret Chan, Direttore Generale dell'Oms. ''La meta' di tutte le morti neonatali si verificano entro il primo giorno''. Le vite della maggior parte di questi bambini potrebbero essere salvate se essi avessero accesso ad alcuni servizi di assistenza sanitaria di base, quella durante e dopo il parto; farmaci a basso costo come gli antibiotici, pratiche come il contatto pelle a pelle tra madre e neonato e l'esclusivo allattamento al seno per i primi sei mesi di vita.

Progressi e sfide- Mentre a livello globale il tasso medio annuale di riduzione della mortalita' dei bambini sotto i cinque anni e' cresciuto dal 1,2% l'anno per il periodo 1990-1995 al 3,9% per il periodo 2005-2012, esso rimane insufficiente per raggiungere l'Obiettivo di Sviluppo del Millennio numero 4, che si propone di ridurre il tasso di mortalita' sotto i cinque anni di due terzi tra il 1990 e il 2015.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina