sabato 03 dicembre | 19:34
pubblicato il 11/ott/2013 10:53

Infanzia: Unicef, 31 mln bambine non frequentano scuola primaria

Infanzia: Unicef, 31 mln bambine non frequentano scuola primaria

(ASCA) - Roma, 11 ott - Sono 31 milioni (cioe' il 54% di tutti i bambini) nel 2011 le bambine nel mondo che non frequentano la scuola primaria. Nello stesso anno, 69 milioni di adolescenti in eta' da scuola secondaria inferiore non frequentavano la scuola, di cui 34 milioni ragazze. Questi i dati Unicef in occasione della seconda Giornata Internazionale della Bambine.

Secondo l'associazione umanitaria, un anno di scuola primaria in piu' aumenterebbe la futura retribuzione di una ragazza dal 10 al 20%; un anno di scuola secondaria in piu' dal 15 al 25%. Inoltre, l'aumento di un punto percentuale nell'istruzione femminile alza la media del livello del Pil di 0,3 punti percentuali e fa aumentare in media il tasso di crescita annuale del PIL dello 0,2%. Le ragazze rappresentano il 55% dei 28,5 milioni di bambini in eta' da scuola primaria che non frequentano la scuola e che vivono in paesi colpiti da conflitti. Durante i conflitti armati, le ragazze sono le vittime colpite piu' duramente: spesso subiscono stupri o altre violenze sessuali che avvengono durante i conflitti armati.

Nel 2010, solo il 59% delle ragazze provenienti da famiglie a basso reddito iscritte alla scuola primaria, che hanno completato il ciclo di studi, rispetto alla media mondiale del 76%. Per l'Unicef, un bambino nato da una madre che sa leggere ha il 50% di possibilita' in piu' di sopravvivere dopo i 5 anni; ogni anno in piu' di istruzione della madre riduce le probabilita' di mortalita' infantile dal 5 al 10%.

Tra le altre cose, spiega ancora l'Unicef, l'istruzione delle bambine e' una delle strategie piu' efficaci per combattere i matrimoni precoci, soprattutto se continua fina alla scuola secondaria. Quando una ragazza frequenta la scuola secondaria ha 6 probabilita' in meno di sposarsi prematuramente.

''L'istruzione puo' trasformare la vita delle ragazze e rafforzare le comunita' in cui vivono'', ha dichiarato Anthony Lake, direttore generale dell'Unicef, secondo cui ''l'innovazione puo' aiutarci a raggiungere ogni ragazza trasformando l'istruzione''. ''L'innovazione ci sta dando nuovi e potenti strumenti per raggiungere e garantire un'istruzione a piu' bambine di quanto non si mai successo prima'', ha continuato Lake.

''Per aiutare piu' ragazze ad andare a scuola, a continuare a frequentare e a far completare il percorso di studi, noi stessi abbiamo bisogno di continuare ad imparare, usando questi nuovi strumenti, dando vita a nuove idee e sviluppando le innovazioni piu' promettenti''.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari