lunedì 23 gennaio | 23:52
pubblicato il 11/dic/2013 09:28

Infanzia: Unicef, 1 bambino su 3 ufficialmente non esiste

Infanzia: Unicef, 1 bambino su 3 ufficialmente non esiste

(ASCA) - Roma, 11 dic - Nel giorno del 67esimo anniversario dell'Unicef, l'organizzazione lancia un rapporto secondo il quale circa 230 milioni di bambini sotto i 5 anni non sono stati mai registrati alla nascita; 1 su 3 nel mondo.

''La registrazione alla nascita e' piu' di un semplice diritto. E' come la societa' ti riconosce per la prima volta e come riconosce l'identita' e l'esistenza di ogni bambino'', ha dichiarato Geeta Rao Gupta, Vice Direttore generale dell'Unicef. ''La registrazione alla nascita e' anche la chiave per garantire che i bambini non vengano dimenticati, che non vengano negati loro i diritti o esclusi dai progressi della propria nazione''.

Il nuovo rapporto, Every Child's Birth Right: Inequities and trends in birth registration, raccoglie analisi statistiche di 161 paesi, gli ultimi dati e le ultime stime disponibili per paese sulla registrazione alla nascita.

A livello globale nel 2012, solo circa il 60% di tutti i neonati e' stato registrato alla nascita. Il tasso varia significativamente a seconda della regione, con livelli piu' bassi in Asia Meridionale e in Africa sub sahariana.

I 10 paesi con i tassi piu' bassi di registrazione alla nascita sono: Somalia (3%), Liberia (4%), Etiopia (7%), Zambia (14%), Ciad (16%), Repubblica Unita della Tanzania (16%), Yemen (17%), Guinea Bissau (24%), Pakistan (27%) e Repubblica Democratica del Congo (28%).

Anche quando i bambini sono registrati, molti non hanno traccia della loro registrazione. In Africa Orientale e Meridionale, per esempio, solo circa la meta' dei bambini registrati ha il certificato di nascita. Nel mondo, 1 bambino registrato su 7 non ha il certificato di nascita. In molti paesi, questo e' dovuto a tasse onerose. In altri, invece, il certificato di nascita non viene emesso e nessun documento di registrazione e' disponibile per la famiglia.

I bambini non registrati alla nascita o senza documenti di identificazione sono spesso esclusi dall'accesso all'istruzione, cure sanitarie e sicurezza sociale. Se un bambino viene separato dalla sua famiglia durante un disastro naturale, conflitti o a causa di sfruttamento, la riunificazione e' molto piu' difficile a causa della mancanza di documentazione ufficiale.

''La registrazione alla nascita - e il relativo certificato - e' fondamentale per garantire a un bambino il suo pieno sviluppo'', ha detto Rao Gupta. ''Tutti i bambini nascono con un potenziale enorme. Se la societa' non riesce a contarli tutti, e perfino a non riconoscere la loro esistenza, sono piu' vulnerabili a subire abusi e ad essere abbandonati. E' inevitabile che il loro potenziale diminuira' sensibilmente''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4