domenica 04 dicembre | 16:06
pubblicato il 13/gen/2014 17:41

Industria: Cia, agroalimentare salva i conti delle aziende

Industria: Cia, agroalimentare salva i conti delle aziende

(ASCA) - Roma, 13 gen 2014 - Con un incremento annuo pari al 2,8%, il settore alimentare contribuisce largamente alla ripresa della produzione industriale, che torna al segno piu' dopo ventisei mesi in territorio negativo. Lo ha affermato la Confederazione italiana agricoltori (Cia), spiegando che i dati Istat relativi a novembre ''confermano ancora una volta la centralita' di tutto l'agroalimentare, che diventa sempre piu' strategico nell'ottica della ripresa dell'economia del Paese''.

Piu' in dettaglio, e' l'export a trascinare l'aumento della produzione del comparto, con le vendite all'estero di vino, ortofrutta, pasta e formaggi ''made in Italy'' che nel 2013 sfiorano quasi i 34 miliardi di euro ''salvando'' cosi' i conti delle aziende agroalimentari che, solo grazie ai mercati stranieri, riescono ad affrontare l'ennesimo anno di crisi e a compensare in parte il crollo dei consumi domestici.

''E' chiaro, pero' - ha continuato la Cia - che ora bisogna continuare a lavorare per rafforzare le capacita' di tutta la filiera di esportare e investire sui mercati internazionali, creando strumenti normativi 'ad hoc', semplificando e razionalizzando le risorse e lavorando sulla frammentazione dei soggetti coinvolti''. red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari