venerdì 02 dicembre | 18:52
pubblicato il 15/ott/2011 21:04

Indignati/ In piazza San Giovanni i resti della "battaglia"

Pietre, pezzi di vetro e tantissimi limoni a terra

Indignati/ In piazza San Giovanni i resti della "battaglia"

Roma, 15 ott. (askanews) - Piazza San Giovanni in Laterano a Roma sembra lo scenario di uno di quei paesi in cui infuria la guerra civile. Sull'asfalto, sui giardinetti e addirittura sulle scale della basilica sono migliaia e migliaia i resti della battaglia: pietre, pezzi di bottiglia, pezzi di legno si trovano accanto alle decine di limoni usati dai manifestanti per tentare di difendersi dal fumo dei lacrimogeni lanciati dalla polizia. La piazza ha ora un aspetto spettrale, con i mezzi delle forze dell'ordine, almeno 40, che presidiano l'accesso alla piazza. Completamente distrutti i marciapiedi ed alcune panchine, con cui la parte violenta dei manifestanti ha attaccato le forze dell'ordine. In piazza San Giovanni è giunto anche il sindaco Gianni Alemanno, venuto per rendersi conto di persona dello stato delle cose.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
San Marino, maxistella a Led inaugurerà il Natale delle Meraviglie
Lifestyle
Editoria, Ecra: Papi e Giubilei da Leone XIII a Francesco
TechnoFun
Archeologia, allo studio app per riconoscimento automatico reperti
Sostenibilità
A Roma Isola della sostenibilità, economia da lineare a circolare
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari