domenica 11 dicembre | 11:43
pubblicato il 24/mar/2011 17:37

Inchiesta su discarica Chiaiano, a Napoli torna l'incubo rifiuti

Sito fermo per 10 giorni, per strada di nuovo cassonetti pieni

Inchiesta su discarica Chiaiano, a Napoli torna l'incubo rifiuti

A Napoli si riaffaccia l'incubo dell'emergenza rifiuti. I conferimenti contingentati di spazzatura nella discarica di Chiaiano (massimo 50 tonnellate al giorno) per consentire lavori di consolidamento e analisi sulle presunte infiltrazioni di percolato, fanno suonare di nuovo il campanello d'allarme. Il sito funzionerà a corrente alternata per una decina di giorni, nel frattempo la spazzatura cittadina verrà portata in sei centri di tritovagliatura della regione che, però, non possono accogliere più di un certo quantitativo giornaliero di rifiuti, grosso modo tra le 100 e le 300 tonnellate.Sono questi i primi effetti dell'inchiesta della Procura di Napoli sulle infiltrazioni di sostanze velenose nel sottosuolo e sulla gestione della cava di Chiaiano da parte della società Sapna, legata - secondo gli inquirenti - ai clan della camorra.Tutto questo, però, sta comportando un rallentamento nella raccolta dei rifiuti in città.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina