domenica 26 febbraio | 22:57
pubblicato il 24/mar/2011 17:37

Inchiesta su discarica Chiaiano, a Napoli torna l'incubo rifiuti

Sito fermo per 10 giorni, per strada di nuovo cassonetti pieni

Inchiesta su discarica Chiaiano, a Napoli torna l'incubo rifiuti

A Napoli si riaffaccia l'incubo dell'emergenza rifiuti. I conferimenti contingentati di spazzatura nella discarica di Chiaiano (massimo 50 tonnellate al giorno) per consentire lavori di consolidamento e analisi sulle presunte infiltrazioni di percolato, fanno suonare di nuovo il campanello d'allarme. Il sito funzionerà a corrente alternata per una decina di giorni, nel frattempo la spazzatura cittadina verrà portata in sei centri di tritovagliatura della regione che, però, non possono accogliere più di un certo quantitativo giornaliero di rifiuti, grosso modo tra le 100 e le 300 tonnellate.Sono questi i primi effetti dell'inchiesta della Procura di Napoli sulle infiltrazioni di sostanze velenose nel sottosuolo e sulla gestione della cava di Chiaiano da parte della società Sapna, legata - secondo gli inquirenti - ai clan della camorra.Tutto questo, però, sta comportando un rallentamento nella raccolta dei rifiuti in città.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech