domenica 04 dicembre | 01:01
pubblicato il 13/gen/2012 08:27

Incendio Trapani, oggi l'autopsia sui 5 corpi omicidio-suicidio

Esame aiuterà a sciogliere dubbi su quanto accaduto ieri mattina

Incendio Trapani, oggi l'autopsia sui 5 corpi omicidio-suicidio

Palermo, 13 gen. (askanews) - E' prevista per oggi l'autopsia sui corpi dei cinque protagonisti dell'omicidio-suicidio avvenuto ieri mattina nella periferia di Trapani. L'esame, disposto dal procuratore Marcello Viola, scioglierà i dubbi riguardo a quanto avvenuto ieri in quell'appartamento di via Omero, nel popolare quartiere Sant'Alberto. In base a quanto ricostruito fino ad ora, Pietro Fiorentino, 40enne che nella vita faceva alcuni lavori saltuari, sarebbe entrato in casa di Stefania Mighali, sua ex moglie, e avrebbe ucciso oltre alla donna, anche la figlia di 8 anni, il cognato, disabile, e la suocera. Dopo il massacro, l'uomo avrebbe dato fuoco all'appartamento e si sarebbe suicidato lanciandosi dal quinto piano. Secondo i vicini, che descrivono Fiorentino come una persona "tranquilla", l'omicida non riusciva a superare la separazione dalla moglie, che avrebbe segnalato già da tempo i timori nei confronti dell'ex marito. Di tali denunce, però, nei verbali delle forze dell'ordine non risulterebbe traccia. L'esame autoptico è stato affiato al dottor Paolo Procaccianti, direttore dell'Istituto di Medicina legale del Policlinico di Palermo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari