sabato 25 febbraio | 20:19
pubblicato il 10/lug/2013 11:02

Inail: nel 2012 morte 348 persone tra denuncianti malattie da amianto

(ASCA) - Roma, 10 lug - Nel 2012 tra le denunce protocollate di malattie contratte a causa dell'amianto, l'Inail ha riconosciuto 1540 patologie, mentre tra i casi denunciati nell'anno, 348 hanno avuto esito mortale.

Lo ha indicato il presidente dell'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, Massimo De Felice, leggendo la sua Relazione annuale 2012, oggi a Montecitorio, alla presenza del ministro del Lavoro, Enrico Giovannini.

Nel suo intervento De Felice ha sottolineato l'impegno di realizzazione del ''Piano nazionale amianto'' presentato a marzo di quest'anno. Riguardo al tavolo tecnico istituito presso l'Inail per applicare le provvisionali della sentenza Eternit di febbraio 2012, il presidente dell'ente assicurativo ha osservato come ''la recente sentenza della Corte di appello di Torino - rigettando la domand di risarcimendei danni proposta dall'istituto - ha presumibilimente ridotto le potenzalita' del tavolo''.

stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech