giovedì 19 gennaio | 06:31
pubblicato il 20/mar/2015 16:26

In Italia 385 litri acqua per abitante al giorno, disperso 37,4%

Istat: non tutta l'acqua immessa in rete arriva ad utenti finali

In Italia 385 litri acqua per abitante al giorno, disperso 37,4%

Roma, 20 mar. (askanews) - Nel 2012 in Italia sono stati immessi nelle reti comunali di distribuzione dell'acqua potabile 22,9 milioni di metri cubi di acqua al giorno, per un totale annuo complessivo di 8,4 miliardi di metri cubi, 385 litri per abitante al giorno. Il volume complessivo è aumentato del 2,6% rispetto al 2008. Non tutta l'acqua che viene immessa in rete arriva agli utenti finali. Sebbene l'efficienza dell'infrastruttura della rete idrica costituisca un'esigenza diffusa e ormai improrogabile, le dispersioni continuano a essere persistenti e gravose: nel 2012, infatti, le dispersioni di rete - calcolate come differenza percentuale tra i volumi immessi ed erogati - ammontano al 37,4%, in aumento rispetto al 2008 quando erano del 32,1%. Lo dice l'Istat nel rapporto sulla Giornata mondiale dell'acqua diffuso oggi.

Lo scarto tra i volumi di acqua immessi e quelli effettivamente consumati, spiega l'Istat, è dovuto in parte a dispersioni considerate fisiologiche e legate all'estensione della rete, al numero degli allacci, alla loro densità e alla pressione d'esercizio. Le dispersioni derivano inoltre da criticità di vario ordine: rotture nelle condotte, vetustà degli impianti, consumi non autorizzati, errori di misura. Tale situazione permane nonostante negli ultimi anni diversi gestori del servizio idrico si siano impegnati a garantire un elevato livello di qualità nella misurazione dei consumi e un più assiduo monitoraggio del parco contatori, la cui obsolescenza può provocare la non corretta contabilizzazione dei volumi erogati.

In questo senso la maggiore diffusione dei contatori, soprattutto per quanto riguarda la misurazione dell'acqua erogata all'utente finale, ha evidenziato in maniera oggettiva situazioni di forte criticità lungo la rete di distribuzione, precedentemente non individuate. Inoltre le attività di manutenzione degli impianti, a causa di una diffusa riduzione degli investimenti nel settore idrico, sono diminuite negli ultimi anni, con inevitabili conseguenze sui volumi dispersi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina