giovedì 08 dicembre | 15:10
pubblicato il 06/mag/2011 12:27

In Campania lo spettro del "nuovo caporalato", l'allarme Cgil

Ai nuovi schiavi voucher da 10- 15 euro al posto della paga

In Campania lo spettro del "nuovo caporalato", l'allarme Cgil

Dalla Campania arriva un nuovo allarme sociale: il moltiplicarsi di casi di "caporalato" ai danni di operai e braccianti agricoli, soprattutto extracomunitari precari, costretti a lavorare giornate intere in cambio di un voucher del valore di pochi euro al posto della paga. Ne parla Nicola Ricci, segretario della Flai-Cgil di Napoli. Secondo il sindacato, i dati sul lavoro nero nella sola città di Napoli sono allarmanti, con valori prossimi al 29-33%. E anche l'uso improprio dei voucher è in preoccupante crescita. Da tempo la Cgil si batte per introdurre il "reato di caporalato". Un fenomeno sempre più diffuso, soprattutto nei campi e sui cantieri del Mezzogiorno e che continua ad allargarsi grazie, ad esempio, a false cooperative che sfruttano la manodopera a basso costo di soci fittizi, veri e propri "nuovi schiavi", evadendo tasse, contributi e violando le norme di sicurezza. Quello che ne consegue è un grave danno all'economia e alle imprese che, invece, continuano a lavorare nel rispetto la legge.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni