sabato 10 dicembre | 16:39
pubblicato il 22/ago/2011 13:23

In Campania l'inflazione più bassa mette in crisi l'alimentare

Le famiglie risparmiano ma l'economia stagna e i consumi calano

In Campania l'inflazione più bassa mette in crisi l'alimentare

I consumi calano, l'economia locale stagna e i prezzi dei prodotti crescono meno che nelle altre regioni mandando in tilt settori come l'alimentare, stretto nella morsa di crisi e concorrenza. Le difficoltà in Campania vengono fotografate dagli ultimi dati Istat: a luglio 2011 l'inflazione è salita del 2,3% è l'aumento più basso in Italia. I prodotti che hanno mantenuto i prezzi più stabili sono soprattutto frutta e verdura, settore in forte crisi e in cui i prezzi sono tenuti ancora più bassi dalla concorrenza dei supermercati fra promozioni e sconti. Buone notizie per le famiglie che al supermercato non dovranno fare i conti con grossi rincari; in realtà però questi dati vanno poi sommati al tasso di disoccupazione al 15%, al 23% dei nuclei familiari costretti a vivere con meno di 992 euro al mese: numeri che parlano della difficoltà di ricominciare a spendere per rimettere in moto l'economia della Regione e in generale del Paese.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina