lunedì 05 dicembre | 03:37
pubblicato il 28/nov/2013 16:22

Imu: Coldiretti, dopo stop rata nei campi serve stabilita' per 2014

Imu: Coldiretti, dopo stop rata nei campi serve stabilita' per 2014

(ASCA) - Roma, 28 nov - L'esenzione per quest'anno anche della seconda rata dell'Imu per i fabbricati rurali e per i terreni agricoli degli imprenditori agricoli professionali e' una scelta strategica per il Paese che e' ora necessario stabilizzare per il prossimo anno. E' quanto afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nell'esprimere apprezzamento per il provvedimento approvato nel consiglio dei Ministri ''sotto la spinta decisiva del Ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo che si e' dimostrato coerente con gli impegni assunti nel patto per l'agricoltura sottoscritto davanti ai 15mila agricoltori presenti all'Assemblea della Coldiretti lo scorso luglio''.

E' stato riconosciuto il ruolo dell'agricoltura italiana ma soprattutto quello dei coltivatori diretti E Imprenditori agricoli professionali che vivono e lavorano nei campi e - sottolinea Moncalvo - contribuiscono in misura determinate alla salvaguardia e gestione del territorio a beneficio dell'intera collettivita'. Ci auguriamo che questo principio venga rafforzato ed esteso a tutti gli interventi di politica agricola nazionale e - conclude Moncalvo - a quelli applicativi della riforma comunitaria.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari