sabato 03 dicembre | 00:03
pubblicato il 24/mar/2011 13:12

Immigrati/Tensione a Mineo.Sindaci: Impediremo ingresso pullmann

I primi cittadini Calatino presidiano porte villaggio solidarietà

Immigrati/Tensione a Mineo.Sindaci: Impediremo ingresso pullmann

Palermo, 24 mar. (askanews) - Situazione tesa a Mineo, dove i dodici sindaci del Calatino, il territorio dove sorge il "Villaggio della solidarietà", hanno organizzato un presidio davanti all'ingresso del residence degli Aranci per impedire l'ingresso dei pullmann che stanno trasferendo nella struttura circa 500 immigrati provenienti da Lampedusa. I sindaci, cinti dalle fasce tricolori, hanno chiesto un incontro con il prefetto di Palermo e commissario straordinario per l'emergenza immigrati Giuseppe Caruso, al quale presenteranno un documento con cui chiedono al Governo di rivedere la decisione di trasferire a Mineo gli extracomunitari giunti alle Pelagie, attenendosi piuttosto al patto sottoscritto nelle scorse settimane e che prevedeva l'ingresso al villaggio della solidarietà, solo dei richiedenti asilo politico già ospitati nei cara italiani.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari