venerdì 02 dicembre | 18:53
pubblicato il 16/set/2011 07:56

Immigrati/Lampedusa,proseguono gli sbarchi. Arrivati 55 tunisini

Ieri pomeriggio si sono registrati intoppi nei trasferimenti

Immigrati/Lampedusa,proseguono gli sbarchi. Arrivati 55 tunisini

Palermo, 16 set. (askanews) - Proseguono gli sbarchi di immigrati a Lampedusa. Ieri sera alle 22.20 un natante con a bordo 55 extracomunitari, di origine tunisina, è approdato sulla maggiore delle Pelagie. Tra gli immigrati erano presenti anche due donne. Intanto, sul fronte dei trasferimenti, ieri si sono registrati alcuni intoppi burocratici che hanno bloccato le operazioni. I 110 tunisini imbarcati ieri a bordo della nave "Audacia" per essere trasferiti a Palermo, e da qui successivamente rimpatriati, sono stati fatti scendere poco dopo dal traghetto appartenente alla flotta Grimaldi. Per evitare scontri sono intervenuti gli uomini delle forze dell'ordine, che hanno convinto i tunisini a tornare al centro d'accoglienza. All'origine del mancato trasferimento ci sarebbe stato un problema tecnico della nave.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
San Marino, maxistella a Led inaugurerà il Natale delle Meraviglie
Lifestyle
Editoria, Ecra: Papi e Giubilei da Leone XIII a Francesco
TechnoFun
Archeologia, allo studio app per riconoscimento automatico reperti
Sostenibilità
A Roma Isola della sostenibilità, economia da lineare a circolare
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari