martedì 28 febbraio | 00:09
pubblicato il 05/ago/2011 07:46

Immigrati/Ancora 100 cadaveri in mare secondo naufraghi Lampedusa

Tensione fra Italia e Nato per la denuncia del mancato soccorso

Immigrati/Ancora 100 cadaveri in mare secondo naufraghi Lampedusa

Palermo, 5 ago. (askanews) - Decine di cadaveri gettati in mare, forse addirittura un centinaio. Anche se finora la guardia costiera italiana non ha trovato in mare alcun cadavere, i racconti dei 370 naufraghi per due giorni alla deriva in acque libiche a 90 miglia da Lampedusa salvati e sbarcati ieri sull'isola, assicurano che il Mediterraneo è un cimitero di corpi di "donne e uomini compagni di viaggio che non hanno resistito agli stenti e noi siamo stati costretti a gettare a mare, per sopravvivere". La carretta del mare, partita dala Libia con a bordo secondo i migranti "almeno cinquecento persone", al momento del salvatggio ne contava poco più di 370. Fra questi, un cadavere che, secondo le autorità sanitarie, appartiene ad un uomo deceduto poco prima del salvataggio. A dare il primo allarme e consentire il soccorso è stato all'alba di ieri un rimorchiatore cipriota. Con successiva partenza delle motovedette della Guardia di Finanza italiana che hanno aggabciato la carretta e posto fino all'odissea durata due giorni di persone che, raccontano i sopravvissuti e i soccorittori, hanno "nella faccia, negli occhi e nel cuore scolpita la morte per consunzione che hanno visto in faccia e nei copri dei loro compagni di viaggio". Il racconto dei naufraghi è allucinante. E comporta anche una dura accusa alla Nato, una cui nave nonm avrebbe risposta all' sos cipriota pur trovandosi a sole 27 miglia dalla carretta dei naufraghi e potendo duneu un suo intervento, probabilmente, ridurre il numero di cadaveri, se mpre che il racconto corrisponda al vero. La Nato finora non ha preso posizione. Il ministro dell'Interno italiano Roberto Maroni ha chiesto a Farnesina e ministero della Difesa di assumere formali iniziative in ogni sede internazionale per riscontrare il racconto dei naufraghi. "Se è così - ha affermato la parlamentare leghista lampedusano Maraventano - che ci stiamo a fare ancora nella Nato?". E il capogruppo leghista Federico Bricolo è tornato a rimarcare il dissenso del carroccio sulle missioni internazionali dell'Italia: "la Nato -ha detto, dando forza alla protesta di Maroni- deve capire che noi non stiamo in Libia solo per bombardare". A Lampedusa, intanto, oggi arriva il segretario del Pd Pierrluigi Bersani per incontrare immigrati, profughi e abitanti dell'isola.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech