giovedì 08 dicembre | 08:04
pubblicato il 01/apr/2011 13:12

Immigrati/Amnesty e Msf contro Governo: Non c'è piano emergenza

Preoccupati anche per condizioni in campi di accoglienza

Immigrati/Amnesty e Msf contro Governo: Non c'è piano emergenza

Lampedusa, 1 apr. (askanews) - Nel giorno in cui le procedure di evacuazione degli immigrati da Lampedusa subiscono un forte rallentamento a causa delle brutte condizioni del mare, a far rumore sono le associazioni umanitarie, unite in un coro di denuncia nei confronti del governo, reo a loro avviso di non aver saputo affrontare e gestire nel modo migliore l'emergenza immigrati. A farsi sentire sono soprattutto Amnesty International e Medici senza frontiere. "Siamo rimasti colpiti dal fatto che il governo non ha risposto adeguatamente nè con l'urgenza dovuta a questa crisi - hanno spiegato stamani gli ispettori di Amnesty International, da alcuni giorni presenti a Lampedusa -. Sono impressionanti le condizioni misere con cui sono tenute le persone in questo posto. La cosa che emerge chiaramente è che non c'è nessun piano. Non c'è qualcosa che ci aiuti a capire e andare nei dettagli. Ma soprattutto non è chiaro come l'Italia intenda rispondere all'arrivo di emigranti e rifugiati dal Nord Africa". I rappresentanti di Amnesty quindi hanno sollevato dubbi anche sui diversi campi d'accoglienza che in questi giorni si stanno allestendo in tutta Italia. "Non si capisce che natura abbiano questi centri - hanno detto -. Che campi sono?Sono cie, sono centri d'accoglienza? Abbiamo sentito nuove sigle in questi giorni. La detenzione è un punto importante e delicato nel trattamento dei diritti umani. Questi campi avranno un impatto forte sulle persone. Non riusciamo a capire come l'Italia stia svolgendo il suo ruolo nel Mediterraneo". Una crisi "creata" secondo l'organizzazione umanitaria, figlia di una politica che fino ad oggi ha teso più al respingimento che all'accoglienza: "Questi numeri non sono affatto ingestibili per nessun Paese - hanno concluso i delegati di Amnesty International -. Non sono crisi umanitarie necessitate. Un paese che si abitua a respingere, ha paura di accogliere". La versione di Amnesty International trova sostegno anche nella durissima presa di posizione dell'associazione medico-umanitaria Medici senza frontiere, che in una nota del suo direttore Generale in Italia Kostas Moschochoritis denuncia: "E' difficile credere che siamo in Italia, in un Paese del G8. Le condizioni di vita sull'isola sono peggiori di quelle che troviamo nei campi rifugiati in cui MSF lavora nel mondo". Medici senza frontiere nei prossimi giorni provvederà, per la seconda volta, alla distribuzione di 2.500 kit igienici (sapone, coperte, asciugamani, spazzolini, dentrifrici) ai migranti ancora stipati nell'area del porto di Lampedusa, ma come spiega ancora Moschchoritis, "senza un concreto adeguamento delle strutture igienico-sanitarie, le nostre azioni sono una goccia nell'oceano. Le condizioni di accoglienza - conclude - sono intollerabili per la salute delle persone e per la dignità umana".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni