domenica 26 febbraio | 12:04
pubblicato il 06/apr/2011 19:01

Immigrati/ Unhcr e Angelina Jolie:scioccati da tragedia naufragio

Tra i morti molte donne e tre bambini, 213 vittime in totale

Immigrati/ Unhcr e Angelina Jolie:scioccati da tragedia naufragio

Roma, 6 apr. (askanews) - L'Alto commissario per i rifugiati Ant nio Guterres e l'ambasciatrice di Buona Volontà Angelina Jolie sono "profondamente scioccati" per il presunto annegamento di 213 persone avvenuto oggi per il mare in burrasca a circa 60 km da Lampedusa. Secondo quanto raccontato dai sopravvissuti, il gruppo, che comprendeva somali, eritrei ed ivoriani, era partito dalla Libia tre giorni fa nel tentativo di raggiungere Lampedusa. I sopravvissuti hanno riferito all'Unhcr che fra i morti vi sarebbero molte donne e tre bambini. La Guardia Costiera Italiana è riuscita a portare in salvo 47 persone, comprese due donne una delle quali incinta, mentre altre 3 persone sarebbero state salvate da un peschereccio. "Queste persone sono state rifugiate due volte - spiega Guterres - erano fuggite dalla guerra e dalla persecuzione nei loro paesi di origine ed ora, nel tentativo di raggiungere la sicurezza in Italia, hanno tragicamente perso le loro vite." Nel momento in cui l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ed altre organizzazioni "stanno fornendo aiuti umanitari e protezione alle persone in fuga attraverso le frontiere terrestri della Libia - ha aggiunto Guterres - quanto è successo risulta particolarmente allarmante". Guterres ha poi lanciato "un appello a tutti i soggetti che pattugliano il Mar Mediterraneo affinché facciano tutto il possibile per assistere le imbarcazioni in difficoltà." L'ambasciatrice di Buona Volontà dell'Unhcr Angelina Jolie, che proprio oggi ha concluso una missione di due giorni in Tunisia, si è detta "profondamente rammaricata per l'enorme perdita di vite umane di chi stava semplicemente cercando di fuggire dalla guerra e trovare rifugio. Sapere che a bordo dell'imbarcazione naufragata vi erano anche dei bambini rende la vicenda ancora più dolorosa". La Jolie, che ha visitato la frontiera fra Tunisia e Libia ha aggiunto che è necessario "trovare urgentemente delle soluzioni per garantire un corridoio sicuro ai civili in fuga dai combattimenti in Libia". Per anni la Libia è stata un paese di destinazione e di transito per i rifugiati. Gli 8.000 rifugiati riconosciuti in Libia dall'Unhcr sono palestinesi, iracheni, sudanesi, etiopi, somali ed eritrei. A questi vanno aggiunti altri 3.000 richiedenti asilo, mentre altre migliaia di persone che non hanno avuto la possibilità di raggiungere l'ufficio dell'Unhcr a Tripoli si trovano probabilmente ancora nel paese. Le persone provenienti dall'Africa sub-Sahariana sembrerebbero essere particolarmente a rischio in quanto spesso associate a mercenari stranieri. Molti si stanno lanciando in fughe disperate per lasciare il paese.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech