sabato 03 dicembre | 21:27
pubblicato il 13/nov/2013 10:30

Immigrati: Unar, in Italia calano gli arrivi causa crisi economica

Immigrati: Unar, in Italia calano gli arrivi causa crisi economica

(ASCA) - Roma, 13 nov - In Italia c'e' stato un calo dei flussi in entrata, dovuto principalmente alla crisi economica: le quote d'ingresso per lavoratori non comunitari nel 2012, al netto degli stagionali, sono state, infatti, ''molto ridotte''. Dall'estero sono risultate 2.000 per lavoratori autonomi, 100 per lavoratori di discendenza italiana, mentre 11.750 sono state le autorizzazioni alla conversione di titoli di soggiorno rilasciati per motivi diversi dal lavoro.

Di conseguenza, sono diminuiti gli ingressi per lavoro e i visti rilasciati per motivi di lavoro subordinato sono scesi da 90.483 nel 2011 a 52.328 nel 2012 (in entrambi i casi meno che nel periodo pre-crisi). E' invece rimasto libero l'ingresso per gli altamente qualificati o le categorie fuori quota, come gli infermieri. A stabilirlo la nuova edizione del dossier statistico immigrazione 'Dalle discriminazioni ai diritti', per la prima volta curata dal centro studi e ricerche Idos/immigrazione dossier statistico in collaborazione con l'Unar (ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali), presentato oggi dal ministro per l'integrazione Cecile Kyenge e dal viceministro al lavoro con delega alle pari opportunita' Maria Cecilia Guerra.

red/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari