venerdì 02 dicembre | 19:33
pubblicato il 04/ott/2013 11:39

Immigrati: soccorritore, in mare 200 braccia che chiedevano aiuto

Immigrati: soccorritore, in mare 200 braccia che chiedevano aiuto

(ASCA) - Roma, 4 ott - ''Ieri mattina ci siamo svegliati verso le 6.30 con alcuni amici, volevamo andare in barca.

Abbiamo sentito delle urla ma in un primo tempo ci sembravano gabbiani. A un certo punto ci siamo allontanati dalla costa e abbiamo iniziato a navigare in mare. E ci siamo trovati davanti 200 braccia in cielo che chiedevano aiuto, erano disperati''. E' la tragica testimonianza rilasciata al programam rai Agora' da Vito Fiorino, fra i primi soccorritori dei naufraghi di Lampedusa.

''Abbiamo subito avvisato la Capitaneria di porto e abbiamo dato il segnale via radio. Nel mare del silenzio c'erano solo queste braccia che urlavano verso il cielo.

Abbiamo iniziato a caricarli sulla nostra barca. Eravamo a circa un chilometro dalla riva'', ha concluso Fiorino.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari