giovedì 23 febbraio | 19:47
pubblicato il 04/ott/2013 11:39

Immigrati: soccorritore, in mare 200 braccia che chiedevano aiuto

Immigrati: soccorritore, in mare 200 braccia che chiedevano aiuto

(ASCA) - Roma, 4 ott - ''Ieri mattina ci siamo svegliati verso le 6.30 con alcuni amici, volevamo andare in barca.

Abbiamo sentito delle urla ma in un primo tempo ci sembravano gabbiani. A un certo punto ci siamo allontanati dalla costa e abbiamo iniziato a navigare in mare. E ci siamo trovati davanti 200 braccia in cielo che chiedevano aiuto, erano disperati''. E' la tragica testimonianza rilasciata al programam rai Agora' da Vito Fiorino, fra i primi soccorritori dei naufraghi di Lampedusa.

''Abbiamo subito avvisato la Capitaneria di porto e abbiamo dato il segnale via radio. Nel mare del silenzio c'erano solo queste braccia che urlavano verso il cielo.

Abbiamo iniziato a caricarli sulla nostra barca. Eravamo a circa un chilometro dalla riva'', ha concluso Fiorino.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech