mercoledì 22 febbraio | 14:45
pubblicato il 23/ott/2013 17:28

Immigrati: Sant'Egidio, Ue rispetti impegni assunti dopo Lampedusa

Immigrati: Sant'Egidio, Ue rispetti impegni assunti dopo Lampedusa

(ASCA) - Roma, 23 ott - Alla vigilia della riunione del Consiglio europeo di Bruxelles la comunita' di Sant'Egidio dichiara il suo apprezzamento per l'intenzione del governo italiano di portare all'esame dei partner dell'Unione il rispetto degli impegni assunti all'indomani della tragedia di Lampedusa in tema di solidarieta' con i migranti e di corresponsabilita' nell'accoglienza e nella ripartizione dei relativi oneri.

''Il fenomeno migratorio - dichiara in una nota il presidente della comunita', Marco Impagliazzo - ha assunto dimensioni epocali, e non puo' piu' essere valutato ricorrendo a categorie del passato. Gia' oggi, alla commozione per le dimensioni del dramma umanitario e al cordoglio per le vittime, hanno fatto seguito preoccupanti distinguo circa le responsabilita' nazionali e comunitarie in materia, il che rende tanto piu' apprezzabile e condivisibile il richiamo del presidente del Consiglio italiano alla necessita' che l'Europa modifichi le proprie regole in materia di immigrazione''.

Ricordando che il tema e' stato al centro del colloquio avuto lunedi' scorso, insieme al fondatore della Comunita' di Sant'Egidio Andrea Riccardi, con il presidente del Consiglio europeo Hermann Van Rompuy, Marco Impagliazzo sottolinea che ''l'identita' irrinunciabile dell'Europa risiede nel rispetto e nella tutela dei diritti umani'', il che impone a tutti gli Stati membri dell'Unione di ''assumere ogni possibile iniziativa per salvaguardare le vite dei migranti e per costruire un sistema generoso ed equo di accoglienza dei profughi e dei richiedenti asilo''. ''Il principio di solidarieta' e di corretta ripartizione delle responsabilita' tra gli Stati membri in materia di immigrazione ed asilo e' sancito dai Trattati'', prosegue Impagliazzo sollecitando l'adozione di una serie di misure che vanno dal rafforzamento della cooperazione con gli Stati di provenienza degli immigrati, all'apertura di un canale umanitario europeo che liberi i profughi dalla morsa dei trafficanti, all'apertura di un Ufficio europeo dell'immigrazione in territorio nordafricano, all'adozione di procedure comuni per la primissima accoglienza, alla creazione a Lampedusa e in Sicilia di centri di prima accoglienza europei in cui, in deroga alle regole di Dublino, sia consentito ai richiedenti asilo che ne abbiano diritto il reinserimento verso tutti i paesi dell'Unione, con preferenza per quelli dove essi abbiano gia' legami familiari. ''L'Italia - conclude Impagliazzo - deve diventare il capofila operativo di un progetto pilota europeo per la creazione di un centro di accoglienza per i flussi emergenziali; ma a questo progetto devono dare il proprio contributo tutti gli Stati membri dell'Unione''.

com-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Chiesa
Presunti festini gay a Napoli, il card. Sepe sospende sacerdote
Taxi
Protesta taxi a Roma: scontri, bombe carta e tirapugni: 4 fermi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%