giovedì 23 febbraio | 16:07
pubblicato il 17/lug/2014 18:22

Immigrati, salvate oltre 764 persone nel Canale di Sicilia

Continuano gli interventi di soccorso di "Mare Nostrum"

Immigrati, salvate oltre 764 persone nel Canale di Sicilia

Palermo, (askanews) - Sono centinaia, tra loro decine di donne e minori, i migranti che ogni giorno vengono soccorsi nell'operazione Mare Nostrum nel Canale di Sicilia. Nell'ultima ondata, in poche ore, 764 persone sono state tratte in salvo daimezzi della Marina militare.La nave "Orione" ha intercettato due barconi con a bordorispettivamente 229 e 250 persone, la "Sfinge" invece hatratto in salvo 285 migranti. Nelle immagini il salvataggio di i migranti caricati a bordo della nave Peluso della Guardia Costiera impegnate nelle operazioni.Nei primi tre mesi 2014 i migranti arrivati via mare in Italia sono circa 11mila, 13 volte in più dello stesso periodo 2013, 60mila da inizio anno. Tanti anche quelli che non riescono a raggiungere le coste siciliane e sono costretti a tornare da dove sono partiti in Libia. In queste immagini un centinaio di migranti soccorsi e rientrato a Tripoli dopo aver tentato la traversata che si è interrotta per il maltempo. Tre persone sono morte durante il viaggio.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
L'Italia del vino chiude 2016 con record vendite in Cina
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech