giovedì 08 dicembre | 09:31
pubblicato il 10/mag/2013 19:04

Immigrati: Rapporto, in nostri atenei solo 1 studente straniero su 22

Immigrati: Rapporto, in nostri atenei solo 1 studente straniero su 22

(ASCA) - Roma, 10 mag - L'Italia non e' un paese per studenti stranieri. Con 1 cittadino straniero ogni 22 immatricolati all'universita' nel nostro Paese ''l'incidenza degli stranieri sulla popolazione accademica totale rimane ancora piuttosto limitata rispetto ad altri Paesi europei''.

Lo si legge nel rapporto di European migration network (Emn) - rete istituita dalla Commissione Ue e operativa dal 2003 - il quale evidenzia tra le principali ragioni della scarsa attrattivita' italiana di studenti oltreconfine ''le difficolta' connesse alla programmazione dei flussi e l'incertezza del rilascio dei permessi di soggiorno''.

Difficolta' burocratiche; complessita' del riconoscimento di titoli di studio riconosciuti all'estero; scarso numero di borse di studio; carenza di residenze universitarie (i posti letto disponibili sono pari al 2,8% della popolazione iscritta); limitata diffusione di corsi in inglese. Questi i principali freni individuati da Emn alla presenza di studenti stranieri in Italia.

Al rapporto Emn allega anche i risultati dell'indagine 'International student survey - Iss' condotta in collaborazione con il Cnr tra maggio 2012 e gennaio 2013 su un campione di 1200 studenti stranieri, di 98 nazionalita', iscritti a 61 diversi atenei distribuiti nel territorio nazionale. Ne emerge una certa difficolta' a mantenersi agli studi in Italia: circa un terzo degli studenti stranieri svolge un'attvita' lavorativa e, tra questi, nel 60% dei casi si tratta di lavori in nero con l'esposizione allo sfruttamento che ne consegue.

Non mancano, in ogni caso, segnali positivi: se il 24,5% degli studenti non comunitari intervistati ritiene che la scelta di studiare in Italia offra buone prospettive di carriera sia in patria che all'estero, una consistente maggioranza del campione (66,1%) considera buono il proprio livello di integrazione nel nostro paese, laddove il voto e' comunque sufficiente per il 23,9%.

In tale quadro l'Italia ''a differenza di altri Paesi, solo in misura contenuta trattiene gli studenti iternazionali, mentre la maggior parte rimpatria con beneficio per i Paesi d'origine e anche per i rapporti internazionali dell'Italia stessa'', decreta il rapporto.

com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni