domenica 04 dicembre | 12:01
pubblicato il 17/mar/2011 11:57

Immigrati/ Prefetto Caruso: Individuati nuovi centri accoglienza

Ci sono caserme disponibili, problema è il pronto utilizzo

Immigrati/ Prefetto Caruso: Individuati nuovi centri accoglienza

Palermo, 17 mar. (askanews) - "Se il problema, come purtroppo riteniamo, diventerà più grosso di quello che si pensava in relazione all'arrivo di decine e decine di migliaia di profughi, avremo dei grossi problemi". Lo ha detto il commissario straordinario per l'emergenza immigrati Giuseppe Caruso, a margine di una celebrazione a Palermo in occasione del 150 anniversario dell'unità d'Italia. "Fino ad oggi - ha proseguito Caruso - siamo riusciti a spostare gli immigrati che via via arrivavano a Lampedusa nei diversi centri nel resto d'italia. Adesso però i centri sono pieni, e ci siamo adoperati per individuare altri siti. Abbiamo trovato caserme disponibili, ma il loro problema è il pronto utilizzo, perchè molte di queste hanno bisogno di ristrutturazioni e di tempi tecnici per essere messe in condizioni di ospitare gli immigrati". Sull'apertura del villaggio della solidarietà di Mineo, poi, il prefetto di Palermo ha detto: "Abbiamo accelerato per l'apertura del centro che avverrà domani. Si inizierà gradualmente con poche centinaia di persone, sino poi a raggiungere le duemila unità. I primi ad entrare saranno i richiedenti asilo presenti in Sicilia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari