sabato 25 febbraio | 19:58
pubblicato il 22/set/2011 05:10

Immigrati/ Oggi altri 700 trasferimenti da Lampedusa

Dito puntato contro Governo "miope". Viminale: vuota in 48 ore

Immigrati/ Oggi altri 700 trasferimenti da Lampedusa

Roma, 22 set. (askanews) - Trasferimenti nella notte e altri 700 promessi per oggi: è il piano previsto per svuotare Lampedusa dopo la rivolta degli immigrati tunisini che ha sconvolto l'isola e provocato un fuoco di fila sul governo. Dopo anni di una spontanea politica dell'accoglienza da parte della cittadinanza, ora l'ultima rivolta ha scoperchiato il vaso di Pandora nel quale erano racchiuse la pazienza dei lampedusani e la speranza che il governo, come promesso tante e tante volte, facesse qualcosa di radicale per liberare l'isola divenuta in pratica un Centro di accoglienza (Cie) in mezzo al mare. La protesta degli immigrati, tutti tunisini che secondo il sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis, sarebbero "detenuti, delinquenti" mandati dal governo di Tunisi nell'ambito degli "accordi truffa" fatti con Roma, è scoppiata martedì sera con l'incendio appiccato ad alcuni del padiglioni del Cie, e si è inasprita ieri con una vera e propria guerriglia tra immigrati e abitanti, culminata poi nell'intervento delle forze dell'ordine. "Qui non si può parlare di diritti umani e non venga in mente a nessuno di parlare di razzismo perchè noi lampedusani abbiamo fatto di tutto in nome dell'accoglienza", ha precisato il sindaco. I sindacati, Save the Children, l'Arci, il Cir hanno tutti espresso grande preoccupazione per quanto sta accadendo, ma hanno tutti ammesso che la rivolta era "attesa", come conseguenza di una politica definita "miope", "criminale", "sbagliata", un "disastro annunciato causato da incoscienza". A fare il punto è il consiglio italiano per i rifugiati che spiega: "I migranti che stanno arrivando nell'ultimo periodo dalla Tunisia provengono principalmente da una zona, quella di frontiera con la Libia, la cui economia si è sempre principalmente basata sul traffico commerciale transfrontaliero. Commercio che si è drasticamente interrotto dopo la presa di potere del Comitato di Transizione Libico. Secondo pilastro dell'economia locale era il turismo, pressoché cessato nel periodo estivo. I ragazzi che stanno arrivando sulle nostre coste sono, in gran parte, disoccupati a causa di questi elementi post-rivoluzionari". Dal Viminale il sottosegretario Sonia Viale ha fatto sapere che entro 48 ore tutti i clandestini presenti a Lampedusa saranno trasferiti per essere rimpatriati, condannando le violenze in corso sull'isola e confermando "la massima e costante attenzione del Viminale su quanto sta accadendo". Ma, intanto, a Lampedusa qualcosa si è rotto: quel modello di accoglienza che, nel pieno dell'emergenza sbarchi dovuta alla crisi umanitaria in nord Africa, quando gli immigrati arrivavano senza soluzione di continuità e ci si tuffava in mare per portarli in salvo, aveva fatto proporre i lampedusani per il Nobel per la pace.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech