sabato 03 dicembre | 01:39
pubblicato il 01/ott/2013 13:58

Immigrati: Ocse, crisi rallenta flussi. Parte in media 1 mln in meno

Immigrati: Ocse, crisi rallenta flussi. Parte in media 1 mln in meno

(ASCA) - Roma, 1 ott - Su una popolazione mondiale di 7 miliardi di persone circa 232 milioni sono migranti, ma la crisi economica ha determinato un forte rallentamento della crescita dei flussi: se, infatti, negli anni '90 lasciavano il proprio paese d'origine 2 milioni di persone l'anno in media, il dato e' cresciuto a 4,6 milioni tra il 2000 e il 2010 per poi scendere agli attuali livelli medi di 3,6 milioni di migranti l'anno.

Ne deriva che, rispetto alla popolazione mondiale, il numero di immigrati internazionali e' relativamente piccolo: il 3,2% nel 2013, non di molto superiore al 2,9% del 1990.

Parallelamente, e' piuttosto basso il numero di rifugiati richiedenti asilo registrati nel 2013: pari a 15,7 milioni, il 7% del totale degli immigrati. Cambia, inoltre, la rotta 'classica' dell'immigrazione da sud a nord del mondo, laddove molti scelgono di trasferirsi in paesi in via di sviluppo. Lo attesta un'analisi congiunta dell'Organizzazione per la coooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e del dipartimento Economia e Affari sociali delle Nazioni unite che verra' presentata a New York il 3 e 4 ottobre in occasione del Dialogo Onu ad alto livello sulla migrazione internazionale e lo sviluppo.

Nello specifico, lo studio rileva che il 14% di quanti immigrati nei 34 Paesi Ocse sono arrivati negli ultimi cinque anni, rapporto che ''e' significativamente sceso rispetto al 2000 a causa di una diminuzione del numero di persone che ha lasciato l'America latina in virtu' della crisi che ha colpito Stati uniti e Spagna, le loro principali destinazioni'', come si legge nello studio.

L'incidenza dell'immigrazione ispanica e' infatti la piu' alta nell'area Ocse, all'interno della quale e' proprio il Messico, in termini assoluti, il principale paese di partenza, con 11 milioni di immigrati.

In termini di crescita, pero', predomina la comunita' africana aumentata del 53% negli ultimi 10 anni all'interno dell'area Ocse della quale non e' membro nessun paese del Continente nero.

D'altra parte, gli Stati Uniti restano nel 2013 il paese al mondo che ospita il maggior numero di immigrati: 45,8 milioni, il 20% del totale globale. Seguono Russia (11 mln), Germania (9,8 mln), Arabia Saudita (9,1 mln). L'Italia non figura tra i primi 10 paesi di destinazione.

A confermare l'incidenza della crisi economica globale sui flussi migratori, l'analisi attesta come, negli ultimi 5 anni, il tasso di disoccupazione tra gli immigrati all'interno dell'area Ocse e' cresciuto del 2% toccando quota 16%. Tale incremento dei disoccupati prevale tra gli immigrati africani (+4,3%) e latino americani (+3,4%). Non e' un caso che nel 2013 gli 81,9 milioni di immigrati nati a sud del mondo e trasferitisi a nord, sono stati di poco superati dagli 82,3 milioni che si sono spostati tra sud e sud del mondo scegliendo cioe' come destinazione un paese ''in via di sviluppo''.

stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari