lunedì 05 dicembre | 05:37
pubblicato il 20/ago/2013 12:00

Immigrati/ Nella notte soccorsi in 403, individuati altri 150

Proseguono gli arrivi sulle coste

Immigrati/ Nella notte soccorsi in 403, individuati altri 150

Roma, 20 ago. (askanews) - Proseguono i viaggi di migranti verso le coste italiane. Questa notte in totale 403 persone sono state salvate in mare, mentre per altre 150 si sta ancora intervenendo. In particolare 336 persone sono state salvate a Sud di Porto Empedocle da due motovedette della Guardia Costiera e da un mezzo Navale della Guardia di Finanza. Quest'ultimo ha intercettato il barcone, colmo di migranti, alla deriva a circa 12 miglia dalla costa. Tra loro 64 donne e un neonato, tutti di nazionalità eritrea. Sempre stanotte, sul litorale di Ognina (Siracusa), a seguito della segnalazione di un cittadino, i militari della Capitaneria di Porto hanno individuato a terra circa 67 persone, tra cui 8 minori. I migranti, sedicenti siriani e pakistani, hanno dichiarato di essere giunti in Italia dopo aver viaggiato in mare per 10 giorni. Inoltre la nave della Marina Militare Foscari ha individuato, 50 miglia a Sud di Lampedusa, un barcone con 150 migranti a bordo. Sul posto stanno intervenendo tre motovedette della Guardia Costiera partite da Lampedusa, mentre la centrale operativa di Roma ha dirottato sul posto anche la nave mercantile City of Sidon, di bandiera panamense.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari