venerdì 24 febbraio | 14:03
pubblicato il 03/ott/2013 11:56

Immigrati: mons. Montenegro, morti grattano nostro cuore

(ASCA) - Roma, 3 ott - ''Non e' facile commentare, l'emozione dura un attimo e poi sfuma. Ma questi sono morti che grattano la nostra vita e il nostro cuore. La politica deve fare la sua parte, cosi' come deve farla la comunita' cristiana: ci si deve rendere conto che l'accoglienza e' necessaria''. Con queste parole Monsignor Francesco Montenegro, presidente della Fondazione Migrantes, a margine della presentazione del 'rapporto italiani nel mondo 2013' presentato oggi dalla stessa fondazione Migrantes, ha rispposto all'Asca sulla situazione degli sbarchi quotidiani e l'arrivo di immigranti nel nostro Paese.

Interrogato sulla proposta di Papa Francesco di aprire i conventi e luoghi di Chiesa dismessi agli immigrati che, in questo modo, troverebbero un'accoglienza piu' umana di quella che trovano nei Cie, Montenegro ha detto di essere d'accordo, perche' ''l'accoglienza e' di cuori e di luoghi''.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech