mercoledì 07 dicembre | 15:45
pubblicato il 27/gen/2014 12:23

Immigrati: Istat, +15% migrazione interna 2012. Fuga dal Sud

Immigrati: Istat, +15% migrazione interna 2012. Fuga dal Sud

(ASCA) - Roma, 227 gen 2014 - Nel 2012 i trasferimenti di residenza interni al territorio nazionale coinvolgono 1 milione 556 mila individui, con un incremento di 198 mila unita' (+15%) rispetto al 2011.

Lo rileva l'Istat precisando che i tassi migratori netti sono positivi in tutte le regioni del Nord e del Centro e negativi in tutte le regioni del Sud e delle Isole, a conferma dell'attrattivita' delle ripartizioni settentrionali rispetto al Mezzogiorno.

I trasferimenti di residenza interni sono da attribuire principalmente a spostamenti di breve e medio raggio. Nel 2012 ammontano a 1 milione 175 mila (pari al 75,5% del totale) mentre risultano pari a 381 mila gli spostamenti di residenza a lungo raggio (24,5%).

Nel Nord-est il primato spetta al Trentino-Alto Adige (+3,1 per mille), nel Nord-ovest alla Valle d'Aosta (+2,5 per mille), mentre regioni piu' importanti sul piano economico e demografico, come la Lombardia (+1,6), il Piemonte (+1,1) e il Veneto (+0,4), mostrano saldi piu' contenuti. Nel Mezzogiorno, fatta eccezione per l'Abruzzo (+0,2), tutte le regioni registrano un saldo interregionale negativo, particolarmente rilevante in Campania (-4,7) e Calabria (-4,5).

Su complessivi 381 mila trasferimenti interregionali, oltre la meta' interessa una regione di destinazione del Nord (192 mila unita' pari al 50,3% del totale), il 24,4% una regione di destinazione del Centro (93 mila) e il 25,3% una del Mezzogiorno (96 mila unita'). Dal Mezzogiorno parte, invece, il 41,3% dei flussi interregionali (157 mila unita') contro il 40,1% dal Nord (153 mila) e il 18,6% dal Centro (71 mila).

Il Mezzogiorno si conferma, dunque, la ripartizione meno attrattiva, con oltre 131 mila partenze verso il Centro-nord (34,5% del totale dei movimenti interregionali). Tuttavia, non va dimenticata anche la presenza di un flusso sostanzioso che origina dalle ripartizioni del Centro-nord e si dirige verso le regioni del Sud e delle Isole, che ammonta a oltre 70 mila unita' (18,5%).

Continua, infine, a crescere la quota di stranieri che cambiano la residenza all'interno dei confini nazionali. Nel 2012 sono 279 mila; la maggior parte degli spostamenti riguarda cittadini rumeni (oltre 64 mila, pari al 23% dei flussi interni degli stranieri).

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni