sabato 03 dicembre | 06:09
pubblicato il 08/ago/2013 15:35

Immigrati: interforze Ue soccorono 100 siriani al largo coste Calabria

Immigrati: interforze Ue soccorono 100 siriani al largo coste Calabria

(ASCA) - Vibo Valentia, 8 ago - Cento cittadini siriani, dei quali 44 minori (compresa una bimba di 2 mesi), 16 donne e 40 uomini, a bordo di un barcone, sono stati tratti in salvo, nella notte, dai mezzi aerei e navali dell'agenzia Frontex di controllo delle frontiere marittime dell'Unione europea. Il salvataggio e' avvenuto, in acque internazionali, al largo delle coste calabresi di Roccella Jonica. Si tratta di famiglie partite dalla Siria che, dopo 14 giorni di viaggio e vari trasferimenti in mare a bordo di diverse imbarcazioni, sono state abbandonate al loro destino su un piccolo natante di circa 11 metri, in pessimo stato. In loro aiuto sono intervenuti un aereo portoghese, un velivolo maltese e uno islandese, gia' presenti in quell'area del Mediterraneo, piu' un pattugliatore romeno. Il gruppo aeronavale della Guardia di finanza di Taranto, in cooperazione con il reparto operativo aeronavale delle Fiamme gialle della Calabria, ha coordinato le operazioni impiegando un pattugliatore veloce e una vedetta veloce. Alle 2.30 l'imbarcazione e' stata fermata a circa 40 miglia nautiche da Roccella jonica (RC) e i migranti sono stati trasferiti a bordo del pattugliatore romeno che ha fornito le prime cure. Una vedetta della Guardia di finanza di Crotone e una unita' della Capitaneria di porto di Roccella Jonica hanno rimorchiato il barcone e trasportato i natanti nel vicino porto di Roccella jonica (RC), dove sono giunti alle 9.30 di questa mattina.

Una volta a terra si e' proceduto allo sbarco, con l'ausilio dei finanzieri di Reggio Calabria, nonche' alle prime cure dei migranti, tutti provati dalla lunga permanenza in mare, ed alle successive attivita' di identificazione da parte degli organi di polizia preposti.

I cittadini saranno accompagnati presso la scuola ''Carrera'' messa a disposizione dal comune di Roccella.

Sono in corso - si precisa nel comunicato - approfondite indagini per contrastare un fenomeno che mette in pericolo la vita di persone le quali, disperate fuggono da Paesi in guerra, e sono disposte a tutto pur di raggiungere luoghi piu' sicuri. A tal fine, proprio in questo periodo, e' stata intensificata la vigilanza nelle acque internazionali e nel mare territoriale antistanti le coste joniche della Calabria e della Sicilia.

red-stt/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari