lunedì 05 dicembre | 02:11
pubblicato il 09/ott/2013 14:55

Immigrati: d. Ciotti sottoscrive appello per abolizione Bossi-Fini

(ASCA) - Roma, 9 ott - Don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e presidente nazionale di Libera ha sottoscritto l'appello per l'abolizione della legge Bossi-Fini sull'immigrazione.

''Non basta commuoversi, bisogna muoversi'', spiega don Ciotti che definisce la Bossi-Fini ''una legge non solo discutibile sul piano etico, ma inefficace sul piano pratico.

La logica del respingimento e della chiusura alimenta i canali illegali dell'immigrazione, - dice - la tratta degli esseri umani, gli abusi e le violenze''. ''La vera sicurezza nasce dall'accoglienza, dal riconoscimento. - sostiene il sacerdote - La base della sicurezza e' il dare dignita' e responsabilita'. Dobbiamo sottrarre il problema dell'immigrazione alla propaganda sulla paura. Le persone immigrate non sono un problema ma una speranza. La speranza ha sempre il volto degli esclusi''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari