lunedì 20 febbraio | 00:44
pubblicato il 13/nov/2013 12:08

Immigrati: Coldiretti, nel 2012 nei campi +3% nonostante crisi

Immigrati: Coldiretti, nel 2012 nei campi +3% nonostante crisi

(ASCA) - Roma, 13 nov - Aumenta nel 2012 del 3% rispetto all'anno precedente il numero dei lavoratori stranieri nei campi italiani che, nonostante la crisi, si confermano essere una importante fonte di occupazione anche per le categorie piu' deboli. E' quanto emerge da un'analisi Coldiretti che ha collaborato alla realizzazione del Dossier statistico immigrazione Caritas e Migrantes. Sono 320mila gli immigrati, provenienti da ben 168 diverse nazioni, che - sottolinea la Coldiretti - hanno trovato regolarmente lavoro in agricoltura nel 2012.

L'apporto del lavoro straniero - continua la Coldiretti - diventa dunque sempre piu' determinante in agricoltura e rappresenta ben il 25 per cento del totale delle giornate di lavoro dichiarate dalle aziende, che risultano di poco sotto quota 25,6 milioni, con una leggera riduzione rispetto all'anno precedente. I lavoratori immigrati impegnati in agricoltura - precisa la Coldiretti - hanno una eta' media di 35 anni e mezzo e per ben il 72% sono di sesso maschile.

I primi 12 paesi di provenienza rappresentano l'87,2% del totale dei lavoratori stranieri (Romania 117.240, India 27.789, Marocco 26.220, Albania 24.624, Polonia 20.423, Bulgaria 15.100, Tunisia 12.445, Slovacchia 9.893, Macedonia 9.235, Senegal 5.738, Moldavia 5.478, Ucraina 4.722). A livello provinciale - continua la Coldiretti - le prime 15 provincie per numero di lavoratori stranieri assorbono il 50,6 per cento della totalita' degli stranieri operanti in agricoltura (Foggia 6,4%, Bolzano 5,7%, Verona 5,3%, Trento 4,2%, Latina 4%, Ragusa 4%, Cuneo 3,3%, Cosenza 2,8%, Salerno 2,7%, Ravenna 2,6%, Reggio Calabria 2,2%, Forli'-Cesena 2%, Matera 1,9%, Brescia 1,8%, Ferrara 1,8%).

C'e' dunque la presenza di veri e propri distretti produttivi di eccellenza del 'Made in Italy' che possono sopravvivere solo grazie al lavoro degli immigrati, dalle stalle del Nord dove si munge il latte per il Parmigiano Reggiano alla raccolta delle mele della Val di Non, dal pomodoro del meridione alle grandi uve del Piemonte.

I lavoratori stranieri - conclude la Coldiretti - contribuiscono in modo strutturale e determinante all'economia agricola del Paese e rappresentano una componente indispensabile per garantire i primati del 'Made in Italy' alimentare nel mondo su un territorio dove va assicurata la legalita' per combattere inquietanti fenomeni malavitosi che umiliano gli uomini e il proprio lavoro e gettano una ombra su un settore che ha scelto con decisione la strada dell'attenzione alla sicurezza alimentare e ambientale.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia