martedì 24 gennaio | 14:53
pubblicato il 21/feb/2011 17:25

Immigrati/ Cir a Maroni: rivedere uso Villaggio Aranci a Mineo

Seguire ottima esperienza sistema protezione per rifugiati

Immigrati/ Cir a Maroni: rivedere uso Villaggio Aranci a Mineo

Roma, 21 feb. (askanews) - Rivedere l'utilizzo del Villaggio degli Aranci a Mineo. Il Consiglio italiano per i rifugiati, in una lettera inviata oggi all'attenzione del ministro dell'Interno Roberto Maroni, ha espresso la propria preoccupazione rispetto al piano annunciato dal governo di trasferire al Villaggio degli Aranci di Mineo migliaia di richiedenti asilo ospitati attualmente in diversi centri di accoglienza in Sicilia, Calabria, Puglia e Friuli Venezia Giulia. "Il concentramento di rifugiati o richiedenti asilo in una così grande struttura - spiega il Cir - inficerebbe il sistema di accoglienza che l'Italia ha costruito negli ultimi dieci anni. Rappresenterebbe il contrario dell'attuale sistema Sprar che garantisce il pieno rispetto dei diritti delle persone e fornisce loro i servizi previsti dalla normativa comunitaria e italiana" Nella lettera Savino Pezzotta e Christopher Hein, rispettivamente presidente e direttore del Cir, citano "l'ottima esperienza" del Sistema di protezione per i rifugiati e i richiedenti asilo, coordinato dall'Anci in accordo con il ministero dell'Interno che prevede decentramento, ospitalità in piccoli centri, coinvolgimento degli enti locali e delle associazioni, approccio che è considerato un modello per altri paesi europei. "Non ravvisiamo alcuna necessità di smantellare - aggiungono - l'attuale sistema di accoglienza e le procedure per il riconoscimento della Protezione Internazionale". Il Consiglio italiano per i rifugiati ricorda quindi che già una volta, nella primavera del 1999, 5.000 sfollati kosovari furono ospitati nella ex base Nato di Comiso in Sicilia e inevitabilmente in poco tempo la situazione degenerò e divenne totalmente ingovernabile. Il Cir ha perciò chiesto al Ministro Maroni un ripensamento sull'utilizzo del Villaggio degli Aranci di Mineo che potrebbe effettivamente servire come centro di smistamento e prima identificazione delle persone "solo per un limitatissimo periodo di accoglienza in caso di arrivi massicci dal nord-Africa, caso che non è affatto da escludersi considerando anche l'attuale situazione in Libia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4