giovedì 23 febbraio | 10:29
pubblicato il 20/apr/2011 18:38

Immigrati, Armao (Regione Sicilia): bisogna investire in Tunisia

"Potenziare le relazioni commerciali è l'unica via da seguire"

Immigrati, Armao (Regione Sicilia): bisogna investire in Tunisia

Maggiori investimenti in Tunisia per migliorare l'economia e le condizioni di vita della popolazione locale, contrastando allo tempo stesso l'immigrazione clandestina in Italia. la ricetta contro l'"emergenza sbarchi" proposta a Palermo nel corso della quinta riunione del Comitato di Sorveglianza Congiunto sul programma di Cooperazione transfrontaliera Italia-Tunisia 2007-2013. Gaetano Armao, assessore all'Economia della Regione Sicilia.L'obiettivo del Programma è la promozione dell'integrazione economica, istituzionale e culturale fra la Tunisia e la Sicilia attraverso un processo di sviluppo sostenibile congiunto. Sono gia stati presentati diversi progetti di partnership industriale tra aziende italiane e maghrebine e, a maggio, verrà aperto un nuovo bando per un importo di circa un milione di euro.

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech