giovedì 08 dicembre | 11:15
pubblicato il 03/ott/2013 16:57

Immigrati: Arci, lutto nazionale morti Lampedusa. Stop relazioni Libia

(ASCA) - Roma, 3 ott - Dopo la tragedia del naufragio a Lampedusa in cui sono morti almeno 94 migranti Arci denuncia ''l'ipocrisia della classe politica'' e ''chiede che in tutto il paese si proclami una giornata di lutto nazionale'' e che ''vengano sospesi tutti gli accordi bilaterali sottoscritti dall'Italia con i paesi del nord africa, a cominciare da quello con la Libia''.

''Dov'erano - si interroga l'associazione - le motovedette di Frontex, il sistema di avvistamento in mare voluto dall'Ue, che oltre a garantire l'inviolabilita' delle frontiere europee, nelle intenzioni di chi lo ha ideato e finanziato, dovrebbe, almeno sulla carta, intervenire anche per operazioni di salvataggio in mare?''.

''Cosa deve ancora succedere - si legge ancora - perche' il governo si decida a cambiare radicalmente rotta sull'immigrazione, rendendo finalmente possibili gli ingressi legali in Italia e consentendo a chi arriva per chiedere protezione di farlo in sicurezza?. Si additano giustamente gli scafisti come spregevoli trafficanti, ma non ci si interroga sul perche' i profughi, per arrivare in Europa, non hanno altra possibilita' se non quella di affidarsi a loro, pagando cifre enormi''.

Arci denuncia quindi ''l'ipocrisia di una classe politica che in tutti questi anni non ha messo mano a una legislazione che riminalizza i migranti, non si occupa della loro sicurezza, non prende misure per garantire un'accoglienza dignitosa e ora si dice addolorata e' diventata davvero intollerabile''. ''Chiediamo - prosegue l'Arci - che vengano immediatamente adottate le misure necessarie a garantire un'accoglienza dignitosa e rispettosa dei diritti umani per le persone che sbarcano sulle nostre coste. Non si puo' scaricare sulla sola comunita' di Lampedusa la gestione degli arrivi.Chiediamo che il governo italiano proponga con forza all'Europa di aprire un corridoio umanitario per i profughi siriani e per quanti arrivano dai paesi del corno d'africa per chiedere protezione. Questa strage deve finire. Vogliamo poterci sentire cittadini di un paese che rispetti i valori di umanita' e civilta'''.

com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni